112 Where Are U, l’app arriva anche in Campania

112-where-are-u-campania

Dopo la morte del turista francese in Cilento, è stato boom di download per l'app 112 Where Are U. La Regione lavora per portarla in Campania entro il 2020

Dopo la morte del turista francese in Cilento, è stato boom di download per l’app 112 Where Are U, che consente a chi è in difficoltà di comunicare la sua posizione così da poter essere raggiunto dai soccorritori. In Campania a breve all’attivazione del Numero Unico Europeo 112, che consentirà all’app di funzionare in modo efficace.

Anche in Campania l’app 112 Where Are U

L’app consente di essere localizzati anche senza connessione dati e si ha la possibilità di contattare i soccorsi attraverso la Centrale Unica di Risposta 112.

Se ci si trova in una zona dove non c’è copertura della rete dati, la localizzazione viene trasmessa alla centrale 112 tramite un sms.

L’app ha numerose altre funzioni: mette a disposizione degli operatori i numeri da chiamare in caso di necessità, consente di effettuare “chiamate mute” oppure di selezionare manualmente se si ha bisogno dell’intervento delle forze dell’ordine, di un’ambulanza o dei Vigili del Fuoco.

Dove funziona

Attualmente l’app è in funsione in Lombardia, nella provincia di Roma, in Liguria, Friuli Venezia Giulia, provincia di Trento, Bolzano ed in Sicilia nella province di Agrigento, Catania, Caltagirone, Enna, Messina, Siracusa e Ragusa.

Disponibile per iOS e Android

Attualmente l’app può essere scaricata (qui) sugli smartphone e, in caso di chiamata al 112, attraverso l’app sarà possibile comunicare all’operatore le coordinate della propria posizione che compariranno sul display del cellulare.

E in Campania?

Lo scorso 17 giugno la Giunta Regionale ha approvato con una delibera il progetto del Numero Unico Europeo 112. La Regione ora dovrà sottoscrivere un protocollo d’intesa con il Ministero dell’Interno.

Per quanto riguarda le spese dalla delibera della Giunta, sono a carico della Regione Campania gli oneri connessi al reperimento, all’allestimento e alla manutenzione delle sedi e delle strumentazioni necessarie all’attivazione delle centrali uniche di risposta nonché quelli connessi al reclutamento e al conferimento del personale.

L’attivazione del servizio è prevista entro il 2020, con due Centrali Uniche di Risposta del 112 in Campania, una a Napoli e l’altra a Sarno, prevede anche l’assunzione a tempo pieno di 100 persone (60 per la centrale di Napoli e 40 per quella di Sarno).

TAG