Acquamorta di Monte Procida: la leggenda di Acqua e del suo amor perduto

acquamorta

Sulla spiaggia di Acquamorta di Monte Procida si narra la leggenda che ha dato il nome a questa solitaria insenatura: la leggenda di Acqua

Molte località prendono il loro nome da vicende o caratteristiche del proprio territorio, è un modo per omaggiare o comunque tener viva la memoria. Nel caso di Acquamorta, solitaria spiaggia tra numerose insenature del Monte Procida, il nome porta con sé una triste storia di un amore perduto.


acquamorta 2


Procida: la leggenda di Acqua e del suo Giosuè

Acquamorta, spiaggia tranquilla e solitaria del Monte Procida, prende il suo nome da un’antica e triste leggenda. Si narra, infatti, che una splendida e giovane fanciulla, di nome Acqua, sfuggisse alle pressioni paterne e si rifugiasse proprio su questa spiaggia per un tuffo e un po’ di pace.

Un giorno, però, si spinse troppo al largo e un giovane pescatore di Procida la salvò tra le onde. Da quel momento, il ragazzo attraccava con la sua barchetta proprio lì, a due passi dalla spiaggia, per poter vedere la fanciulla. A un certo punto, però, Giosuè non tornò sulla terraferma.

Secondo le credenze il giovane perse la vita in una tempesta. La fanciulla, non potendo  sopportare il dolore, si uccise, gettandosi in mare, nella speranza di ricongiungersi al suo amore.

Il suo corpo, dicono, non fu mai trovato. Da allora, la spiaggia si chiama proprio così, Acqua morta.

TAG