Cronaca

Adesca bambina di 10 anni su TikTok, la madre lo denuncia

Il ragazzo ha inviato alla piccola foto e messaggi molto spinti

Ha provato ad adescare una bambina di 10 anni su TikTok. L’adescamento durato sei giorni, con tanto di foto spinte e richieste pressanti. L’attività del ragazzo è stata interrotta soltanto quando la madre ha controllato il cellulare della figlia e ha denunciato l’accaduto. I fatti risalgono alla fine di giugno 2020 quando un ragazzo, all’epoca 21enne, aveva cominciato a contattare sul social TikTok la bambina, residente a Siena: conversazioni inizialmente normali, per ottenerne la fiducia e farsi dare il numero di cellulare. Così da passare ai messaggi su Whatsapp, con richieste reiterate di inviare delle foto. Che la bambina non ha mai mandato, ma che invece ha ricevuto.

Bambina di 10 anni adescata su TikTok, la denuncia della madre

Dopo cinque giorni e mezzo la mamma, controllando il telefono della figlia, se ne è accorta e ha bloccato la conversazione – spiega l’avvocato della famiglia Manfredi Biotti -. La bambina intratteneva chiacchierate molto banali, tipo ‘Buongiorno, come va?’ o rispondeva ‘Sono con le amiche’, ma nonostante richieste di inviare foto a carattere erotico non ha mai fatto niente. I genitori sono turbati, lei sul momento non si era molto resa conto. Se la mamma non avesse bloccato la conversazione probabilmente la cosa sarebbe andata avanti“.

Dopo la denuncia della madre, è stato molto semplice risalire al ragazzo, nato nel 1999 e di origini campane: del suo cellulare è stata fatta una copia forense e dalle indagini sarebbe emerso “che aveva avuto conversazioni con altre bambine, dagli 8 ai 14 anni. Lui ha ammesso le sue responsabilità e si è reso disponibile al risarcimento” spiega Biotti, che si è costituito parte civile. Per il 23enne, al quale è stato contestato il reato di adescamento di minore, è stato chiesto il patteggiamento: già accordato dal pm della Procura di Firenze per una pena di un anno, con pena sospesa. Dovrebbe essere accolto dal giudice la prossima settimana.

Articoli correlati

Back to top button