Cronaca

Alessia Pifferi rischia la condanna all’ergastolo per aver fatto morire la figlia Diana

Alessia Pifferi, la donna di 37 anni che ha ucciso sua figlia Diana a Milano, rischia l'ergastolo: le ultime notizie sul caso

Alessia Pifferi, la donna di 37 anni che si trova in carcere per aver lasciato morire di stenti la figlia di 18 mesi Diana, rischia una pena esemplare che va dai 20 anni all’ergastolo. La donna si trova in regime di sorveglianza speciale per evitare che compi atti di autolesionismo o tenti il suicidio. È detenuta al carcere di San Vittore. Per il momento non le è stata riconosciuta la premeditazione.

Sono tanti i cittadini che hanno scritto alla Procura di Milano chiedendo che venga data una pena esemplare senza sconti. La 37enne al momento è accusata di omicidio volontario pluriaggravato. Le vengono anche contestate le aggravanti di futili motivi, del legame parentale e della minore età della vittima. Per il momento non le è stata riconosciuta la premeditazione.

Alessia Pifferi rischia l’ergastolo per aver lasciato morire la figlia Diana

Già in base a quanto emerso il giorno dell’autopsia, il caso di Alessia Pifferi dovrebbe andare direttamente in Corte d’Assise. Nel caso in cui dovesse essere riconosciuta la premeditazione, la sua posizione potrebbe aggravarsi.

Se dall’esame tossicologico dovesse risultare che la donna abbia in qualche modo drogato la figlia questo significherebbe che lei le abbia impedito di salvarsi non consentendole di poter piangere e chiamare aiuto. In questo modo la pena potrebbe partire dall’ergastolo. Nel caso in cui dovesse essere riconosciuto il vizio di mente, la difesa ha chiesto che venga sottoposta ad una perizia psichiatrica.


alessia pifferi figlia
La 37enne Alessia Pifferi

Alessia Pifferi chiede all’avvocato cosa vuol dire essere condannati all’ergastolo

Alessia Pifferi, la 37enne che ha lasciato morire sua figlia Diana da sola in casa a Milano, ha chiesto al suo avvocato cosa significhi essere condannati all’ergastolo. Solange Marchignoli, ha rivelato a Telelombardia che la sua assistita le ha “chiesto il significato di ergastolo”. Della detenzione, la Marchignoli dice che Alessia Pifferi “capisce di essere in carcere ma non capisce il disvalore di quello che ha fatto”.

Nel corso dell’intervista l’avvocato ha raccontato che dopo aver letto le carte dell’inchiesta, qualcosa non le tornava: “Mi sono detta: non è possibile”, motivo per cui è andata in carcere a trovare la 37enne per capirci qualcosa di più. La vicenda, è stata accolta con stupore dalla stessa legale che, per sua stessa ammissione, “facevo fatica a comprendere come fosse possibile lasciare una bambina a casa per tanti giorni e non rendersi conto di quanto potesse essere grave”.

Dopo aver incontrato la madre assassina, la Marchignoli ha detto di aver trovato una donna “apparentemente in una bolla. Non ha la struttura intellettuale per comprendere. Io le parlo, lei mi guarda ma non mi vede e non credo sia una questione di shock”.  L’avvocato sostiene che in questa vicenda ci sia qualcosa di più e che sia necessario scavare nel passato della donna.

Alessia Pifferi non rispondeva al telefono

Negli ultimi quindi giorni Alessia Pifferi era sempre assente: al telefono non rispondeva quasi mai e neanche chiamava. “Quando era via non chiamava quasi mai, ma io credevo avesse sempre la bimba con sé”, precisa la nonna di Diana. Dopo l’arresto né la madre né la sorella ha chiesto di poter sentirla. Così come il compagno: l’avvocato Solange Marchignoli a Fanpage.it ha spiegato che l’uomo da quando è uscita la notizia dell’arresto non risponde al telefono. Qualche giorno fa – già in carcere – Alessia Pifferi ha chiamato una volta la madre: “Le ho anche risposto male. Ad oggi non ne vogliamo sapere di lei. Mia figlia è una pazza”.

 

Articoli correlati

Back to top button