Cronaca

Alfredo Cospito, la Procura generale nega i domiciliari 

La Procura generale nega i domiciliari per Alfredo Cospito, l’anarchico di 55 anni in sciopero della fame da oltre 5 mesi contro il 41bis, deve rimanere in carcere.

Alfredo Cospito, la Procura nega i domiciliari

La Procura generale di Milano che ha rigettato la richiesta di differimento pena, con detenzione domiciliare, presentata dal legale. I giudici della sorveglianza avranno ora cinque giorni di tempo per decidere sull’istanza, dopo l’udienza che si è tenuta all’ospedale San Paolo, dove Cospito è ricoverato.

Mostra di più

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio