FrasiMusica

Le migliori frasi, testi e canzoni degli alunni del sole: le più belle

Scopriamo insieme le migliori frasi, testi e canzoni degli alunni del sole

Gli Alunni del Sole sono un gruppo musicale pop rock italiano. Molto famoso per i vari riconoscimenti che hanno ricevuto dalla critica musicale. Scopriamo insieme le migliori frasi, testi e canzoni più belle degli alunni del sole.

Le frasi, testi e canzoni degli alunni del sole: le più belle

Di seguito una selezione di frasi, testi, canzoni e immagini più belle degli alunni del sole:

  • (Isa… Isabella)

Alunni del sole

Isa…Isabella quante notti quanto amore insieme a te
o mia Isabella te ne vai senza di me
senza me..Isa..Isabella
sta morendo una farfalla senza te
Io..Io sto morendo di dolore insieme a lei
io con lei
Spade azzurre gli occhi tuoi nelle luci delle notti che non torneranno mai io mi chiedo che farò
se ti perderò io ti cercherò
e pensando a te io mi distruggerò
Isa…Isabella
Isa…Isabella

Isa..Isabella
un poeta forse un giorno canterà
il ns. amore, quello vero dei ricordi
se ne va..
Isa…Isabella
se il mio sogno nn sarà più realtà dal mio giardino anche il sole se ne andrà..

Spade azzurre gli occhi tuoi nelle luci delle notti che non torneranno mai io mi chiedo che farò
se ti perderò io ti cercherò
e pensando a te io mi distruggerò
Isa…Isabella
Isa…Isabella

  • (Un’altra Poesia)

Così tornando ti porto in regalo
quel fondo tinta che ti piace sul viso,
ti sveglierò bussando più forte alla tua porta
L’esigenza di starti vicino
è più grande ogni giorno che passa
e mi ritrovo da solo a pensarti troppo spesso
lo ti conosco
tu mi sembravi quasi un’artista
in quei momenti dolci di malinconia e ti lasciavo andare sempre via.
Invece ora io vorrei
sconfiggere con gli occhi gli occhi tuoi e domandarmi quanto t’amo
ancora un pò di più.
Ed ora amore mio
che manca un attimo
mi fermo a un passo dalla tua porta
a perdonarti tutto in una volta
e un’altra ancora io mi troverò solo con te
a stringerti più forte contro me
a domandarmi se mi ami o no
che strano sentimento.
lo ti conosco t’inventerai un’altra poesia
in un momento dolce di malinconia
per non lasciarmi andare sempre via
Ed ora amore mio che manca un attimo
mi fermo a un passo dalla tua porta
a perdonarti tutto in una volta
e un’altra ancora proverò
io che invece non so sconfiggere
con gli occhi gli occhi tuoi e domandarti
se mi ami o noche strano sentimento.

  • (Jenny)

Jenny sembrava felice di correre lungo il mare di andare tornare, giocare di farsi perdonare, io le baciavo le ciglia che meraviglia felici eravamo felici ma l’estate finiva e dovevo lasciarla.
Jenny era tanto sicura
che noi ci saremmo trovati di nuovo, di certo anche lei non sapeva dove però io l’ho creduta.
Quante promesse scambiate dimenticate, sincera sembrava sincera e poi
davvero era bella, per me la più bella.
Jenny era la mente mia, era dentro le foglie, nel vento dentro l’acqua, nel sole,
Sui monti e anch’io, io le dormivo dentro quante fato con amore
che mi avrà lasciato
e quante le notti di mare che son stato con gli occhi alle stelle a pensarla.
Ore di allegria e anche
ore di malinconia
– non ci pensare. sei mia – ma sapevo che finiva
poi le baciavo le labbra dopo un po’ le ciglia,
felici eravamo felici ma l’estate finiva e dovevo lasciarla.

  • (Pagliaccio)

Che strano incontro il nostro arrampicati sopra due finestre per cercarci con la vena negli occhi la sera quando era tardi e mi sembravi un pagliaccio con il viso truccato da poco e le mani ingiallite facevi fotografie che strana vita e’ la nostra leggendo tutte e due le nostre mani quel mercante non sapeva piu’ che fare e ci lasciammo invidiare camminavamo per niente per niente si faceva all’amore senza mai domandarci che strano quelle nostre giornate e mi sembravi un pagliaccio con il viso truccato da poco e le mani ingiallite facevi fotografie che strani i nostri vestiti senza neanche un portafortuna con un ricordo di vacanze lontane che ci lasciasse ricordare perche’ di sogni mai niente perche’ di sogni non volevi parlare e mentre ancora ti lasciavi sfiorare mi domandavo se credevo all’amore e si parlava di te come un vero pagliaccio con le mani sbiadite facevi fotografie una canzone cantavi nel cortile delle nostre risate finche’ scendeva un’altra sera in noi in silenzio chiudevamo gli occhi ed ogni giorno e’ importante ogni giorno ci sembrava importante per fare ancora un passo avanti nel giardino dell’amore e si parlava di te come un vero pagliaccio con le mani truccate facevi fotografie.

  • (‘a Canzuncella)

Alunni del sole

Che m’e’ ‘mparate a fa
Che m’e’ ‘mparate a fa
Si doppe tantu tiemp’ te si scordata ‘e me
E quanne me guardave
E je pure te guardave
Cu ll’uocchie me studiavo
Tutt’e mosse ca facive.
Sinnamurata ‘e me
Ma sienteme, chi t’o fa fa
E torna ‘n’ata vota
‘Mbraccio a chillu lla
Sinnamurata ‘e me
Ma sienteme, non ce pensa’
E torna ‘n’ata vota
Addu chillu lla.
Che t’aggia ditte a fa
Che t’aggia ditte a fa
Pruvamme ‘n’ata vota
Pe ‘n’ora po basta’
Pe te senti’ ‘e parla’
E pe te dicere ca po
Nun m’aspettave niente ‘a te
Cchiu’ ‘e chello ca si stata.
Sinnamurata ‘e me
Ma sienteme, chi t’o fa fa
E torna ‘n’ata vota
‘Mbraccio a chillu lla
Sinnamurata ‘e me
Ma sienteme, non ce pensa’
E torna ‘n’ata votaAddu chillu lla.
Te si spugliata cca’
Te si spugliata cca’
Si bella e nun ‘o saccie
Comme faccie a te gurda’
Te vojje bene ancora
Ma pe dice po pe ‘ddi
E intanto t’accuntento
Cu chesta canzuncella
Sinnamurata ‘e me
Ma sienteme, chi t’o fa fa
E torna ‘n’ata vota
‘Mbraccio a chillu lla
Sinnamurata ‘e me
Ma sienteme, non ce pensa’
E torna ‘n’ata vota
Addu chillu lla

Articoli correlati

Back to top button