Gossip

Amanda Sandrelli: ”Quando ero piccola giudicavo mio padre, Gino Paoli, pesantino”

Scopriamo le confessioni di Amanda Sandrelli sulla sua infanzia

Amanda Sandrelli ha rilasciato sul Corriere della Sera una lunga intervista in cui ha parlato del padre Gino Paoli. 57 anni, è figlia di Stefania Sandrelli e del cantautore Gino Paoli. Quando è nata, il padre era sposato con un’altra donna, Anna Fabbri, che a sua volta aspettava un altro figlio, Giovanni, nato tre mesi prima di lei. Era il 1964. Per questo Amanda non ha avuto subito il cognome del padre.

Amanda Sandrelli, le confessioni sul padre Gino Paoli

”Sono stata la figlia del peccato e di padre ignoto fino all’età di 25 anni!”. Ha dichiarato la donna. Poi ha aggiunto che nonostante questo, la moglie del padre la accolse come una mamma. Quando aveva 8 anni, infatti, andò a vivere a casa di Gino Paoli, a Milano.

”A casa di papà venni accolta con molto affetto da Anna, che aveva un carattere meraviglioso, è stata per me una seconda madre e abbiamo costruito un bellissimo rapporto. Certo, crescendo ci sono stati dei nodi da sciogliere, mi sono posta delle domande e sono andata in analisi per un decennio, tra i 23 e i 33 anni. È stato un percorso importante, mi piaceva andare dallo psicoanalista che non ti risolve i problemi, semmai te ne crea di nuovi e così almeno non compi sempre gli stessi errori”.

Il rapporto col padre

Poi ha aggiunto qualcosa sul suo rapporto col padre: ”Con mamma sono cresciuta, molto presente affettivamente, pur se sempre in giro per lavoro. Con papà il rapporto si è costruito più tardi: lui è veramente un artista, e il talento creativo non è facile da gestire, ha un costo, si paga, con tutti i pro e i relativi contro. Quando ero piccola, lo giudicavo piuttosto pesantino, alternava momenti di grande amorevolezza ad altri in cui non esistevo, non c’ero proprio nella sua mente… Tra l’una e l’altro, mi sentivo in bilico sul filo da acrobata, ho dovuto cercare un mio equilibrio precario, che per fortuna ho trovato e mi sono affrancata”.

Articoli correlati

Back to top button