Almanacco

Il 4 dicembre 1962 ci lascia Armand Richelieu: grande statista ed uomo politico del Seicento

Grande uomo politico, fu molto abile nel rafforzamento della monarchia assolutistica francese, che grazie a lui fu assai più potente rispetto a quella del precedente sovrano, Enrico IV di Borbone: il suo nome è Armand Richelieu

Armand-Jean du Plessis duca di Richelieu (noto soprattutto come Cardinale Richelieu) è stato un cardinalepolitico e vescovo cattolico francese. Fu nominato primo ministro dal re Luigi XIII di Francia.

Armand Richelieu, tutto quello che c’è da sapere sul grande uomo politico del ‘600

Fu molto abile nel rafforzamento della monarchia assolutistica francese, che grazie a lui fu molto più potente rispetto a quella del precedente sovrano, Enrico IV di Borbone con il suo collaboratore, il duca di Sully. Egli aveva anche istituito la figura dell’intendente, ossia un rappresentante diretto del re nelle province. Tra i propositi di Richelieu alla guida dello Stato c’erano il rafforzamento del potere del re transalpino e la volontà di fare della Francia la più grande potenza d’Europa.


armand-richelieu


Per raggiungere il primo obiettivo, Richelieu si scontrò sia con i nobili sia con i protestanti, e cioè con i calvinisti francesi chiamati Ugonotti. I nobili infatti volevano aumentare il loro potere: contro di essi Richelieu usò, quando necessario, la forza. Per fare della Francia la più grande potenza d’Europa Richelieu, seguendo la sua raison d’Etat, decise di far intervenire l’esercito francese nella guerra dei trent’anni contro la Spagna e l’Austria, ottenendo numerosi successi.

Famiglia

«Era Armand-Jean du Plessis, cardinale di Richelieu, il potente uomo di stato che faceva tremare con la sua politica la Francia e l’Europa». – A. Dumas, I tre moschettieri, VI capitolo, Il signor Bonacieux.


armand-richelieu


Nato nel 1585 a Parigi, era figlio di François du Plessis, signore di Richelieu, militare e cortigiano che prestò servizio come Grand prévôt de France, e di Susanne de La Porte, figlia di un noto giurista. Quarto di cinque figli, era destinato a una carriera militare, ma si trovò ad affrontare invece una carriera ecclesiastica, nel 1605, al posto del fratello Alphonse, che l’aveva rifiutata.

Infanzia e ascesa

Il padre morì il 10 giugno 1590 di una “febbre perniciosa”, lasciandolo orfano a soli 5 anni, con gli altri fratelli e sorelle, anch’essi in tenera età, essendo tutti nati fra il 1578 e il 1585. Cominciò a vent’anni i suoi studi in teologia per essere nominato già l’anno successivo vescovo di Luçon da parte del re Enrico IV e ottenere la stessa investitura anche dal Papa Paolo pochi mesi dopo, il 17 aprile 1607.


armand-richelieu


Per conferirla gli venne elargita una dispensa speciale per permettere una nomina a così alta prelatura già prima dei 21 anni. Nel 1614 cominciò anche la sua carriera politica, quando riuscì a farsi eleggere deputato, diventando anche in breve il portavoce dell’assemblea. Nel novembre dello stesso anno venne nominato dalla reggente Maria de’ Medici Gran cerimoniere alla corte della regina Anna d’Austria, cosa che gli permise di entrare nel consiglio del re di Francia e assumere il compito di Segretario di Stato per l’interno e la guerra.

In presenza della sopracitata Maria fece il suo primo discorso importante, elogiando il governo, il 23 febbraio 1615. L’assassinio di Concino Concini (1617), il favorito di Maria de Medici, istigato dal re Luigi XIII e preparato dal suo favorito Charles de Luynes, portò a un periodo di isolamento di Richelieu dalla vita politica, avendo egli seguito la regina madre confinata dal figlioBlois ed essendo poi ritirato ad Avignone per dedicarsi agli studi di teologia.

La nomina a cardinale

Richiamato a Parigi con l’incarico di negoziare un accordo tra regina-madre e figlio, riuscì a riavvicinare Luigi XIII e la madre nel 1621, acquisendo fama di abilissimo negoziatore e ricevendo, in cambio dei servizi forniti, la nominacardinale: la nomina fu ratificata ufficialmente a Lione il 12 dicembre 1622, ma Armand non si recò mai a Roma per ritirare la berretta e il titolo.


Armand-Richelieu


Il 29 aprile 1624 rientrò a far parte ufficialmente del consiglio del re e quindi primo ministro, cominciando subito a operare per il perseguimento dei suoi obiettivi politici. La sua abilità gli consentì di mantenere un certo equilibrio fra i filo-spagnoli, guidati da Maria de’ Medici e il cui nucleo era detto Parti devot (il partito dei devoti), e gli anti-spagnoli come lo stesso re, guidati da Langlois de Fancan, operando così in modo da ridurre lo strapotere delle famiglie dell’alta nobiltà francese, sempre gelose della loro indipendenza dalla corona e del corrispondente potere.

Affrontò il problema della Valtellina, intimando al papa lo sgombero delle truppe dai relativi castelli, ma per non urtarsi troppo con i filo-spagnoli, finì con lasciare che la valle diventasse autonoma e le truppe spagnole alleate del papa continuassero a presidiarle. Per eliminare il problema dell’autonomia degli ugonotti che, resi forti dalla disponibilità delle piazzeforti concesse loro ancora dall’Editto di Nantes, emanato da Enrico IV di Borbone dopo essersi convertito al cattolicesimo, costituivano una specie di stato nello Stato, seguì gli indirizzi del partito dei devoti e pose l’assedio alla piazzaforte più munita, quella di La Rochelle la principale roccaforte ugonotta, associata a un porto sull’Atlantico, che venne conquistata nel 1628 dopo un assedio durato 14 mesi, a cui egli prese parte: per interrompere il flusso di aiuti che giungevano agli assediati via mare dall’Inghilterra, Richelieu fece costruire una grossa diga che sbarrava la baia naturale antistante, bloccando così l’accesso delle navi al porto e quindi distruggendo anche l’intensa attività commerciale che aveva fatto la fortuna degli abitanti di La Rochelle. Il duca di Richelieu, però, scelse di non infierire contro i vinti, dimostrando così la sua lungimiranza politica: nel 1629 concesse agli ugonotti la libertà di culto con l’editto di grazia.

L’intervento militare in Italia

Nel marzo del 1629, d’accordo con il re Luigi XIII, intervenne militarmente in Italia per sostenere i diritti di Carlo di Nevers e Rethel sul Ducato di Mantova (Guerra di successione di Mantova e del Monferrato), andando così contro il volere di Maria de’ Medici. Nello stesso anno, tuttavia, affrontò la ribellione ugonotta in Linguadoca, sottomettendo i ribelli, ma facendo loro concedere dal re la grazia con la pace di Alais, che sanciva la supremazia della corona e toglieva definitivamente le ultime piazzeforti, e i relativi privilegi politici, agli ugonotti.


Armand-Richelieu


Costrinse quindi il duca di Savoia a lasciare l’alleanza con la Spagna e a schierarsi con i francesi. Nel 1631 concluse un’alleanza con il re di Svezia Gustavo Adolfo II in funzione antimperiale, costringendo l’imperatore a concedere Mantova e il Monferrato a Carlo I di Gonzaga-Nevers e alcuni territori al duca di Savoia. Con il trattato di Cherasco (7 aprile 1631) al Duca di Savoia Vittorio Amedeo I furono assegnati i territori di Trino e di Alba,ed alla Francia il punto strategico piemontese di Pinerolo.

La politica interna

Questo aspetto della politica del cardinale si rivelò contrario alla politica di Maria de’ Medici, poiché rovesciava l’alleanza spagnola fino ad allora consolidata e Maria cercò di opporsi in ogni modo, ricorrendo anche a un complotto, che non riuscì, contro il Richelieu.


Louis_XIII_Richelieu_devant_La_Rochelle
Re Luigi XIII e il cardinale Richelieu.

Anche nel campo della politica interna Richelieu non fu affatto tenero: per ottenere l’ubbidienza della nobiltà, riottosa a assoggettarsi agli editti reali, non esitò a far eseguire condanne capitali ai danni di molti nobili. Fece anche distruggere più di 2mila castelli che non riteneva fondamentali per la difesa del territorio francese, sostituì molti coronati presenti nel consiglio del re con personaggi di più umile estrazione, e infine vietò i duelli, molto frequenti in quel periodo.

L’assolutismo, il colonialismo e la morte

In definitiva il carattere assolutista della monarchia venne molto accentuato sotto la direzione del cardinale. Oltre che della direzione politica del regno si occupò anche della parte economica ristabilendo l’ordine nelle finanze reali, aumentando la pressione fiscale soprattutto della “taglia”, imposta che gravava quasi unicamente sulle campagne.


Armand-Richelieu


Accelerò inoltre l’espansione coloniale, spingendo la Francia a proseguire l’occupazione del Canada meridionale (Nouvelle France), varie isole nelle Antille (Martinica, la GuadalupaSaint-Domingue), la Guyana e il Senegal. Durante la sua direzione nacque anche una forte marina militare e, dal punto di vista della cultura, bisogna ricordare la fondazione dell’Accademia francese delle scienze nel 1635, la creazione di una preziosa biblioteca nel suo palazzo di Place Royale in Parigi (assorbita poi dalla Biblioteca nazionale francese) e ricche collezioni d’arte, andate successivamente disperse fra diversi proprietari e in parte perdute.

Nel 1631, all’apice della sua carriera politica, riuscì a ottenere dal re anche l’autorizzazione a costruire un castello e un borgo con il suo nome (ancora oggi chiamato Richelieu), considerato ancor oggi come un capolavoro dell’urbanistica europea del XVII secolo. Nel 1635 fu nominato Abate commendatario dell’Abbazia di Cluny e dell’Abbazia di Cîteaux, cariche che tenne fino alla morte. Prima di perire a Parigi il 4 dicembre del 1642, non molto amato dal suo popolo, riuscì anche a raccomandare al re la scelta del cardinale Mazzarino come suo successore. Oggi il cardinale di Richelieu riposa nella chiesa della Sorbona, a Parigi.

Antonio Bassano

Giornalista pubblicista dal 2017, ma anche eterno appassionato di lotta, pittura, street photography e del mondo otaku. Cresciuto giornalisticamente grazie al quotidiano L'Occhio di Francesco Piccolo, Antonio Bassano ha un approccio alla professione letterario semplice e spontaneo, nonché orientato a mettere a nudo la notizia senza commistioni o forzature.

Articoli correlati

Back to top button