Cronaca

Covid, assembramenti in Darsena: il sindaco Sala “Le conseguenze ricadranno su tutta la comunità”

Il primo cittadino difende le forze dell'ordine e si scaglia contro l'irresponsabilità dei milanesi

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala ha commentato gli avvenimento di sabato sera in Darsena, sui Navigli, dove migliaia di persone si sono assembrate, senza distanziamento sociale, in un un rave party nell’ultimo sabato di zona gialla. “Con questa terribile pandemia se non si rispettano le regole si paga pegno. Così sarà e purtroppo le conseguenze ricadranno su tutta la comunità“.

Maxi assembramento in Darsena a Milano: lo sfogo del sindaco Sala

Intorno ai Navigli e alla Darsena c’erano migliaia e migliaia di persone. Le forze dell’ordine, tra quelle coordinate dalla Questura e quelle del Comune, erano pari a circa 200 unità, il numero l’ho ricevuto dal Prefetto. E, che piaccia o no, di più non si poteva metterne, perché la città è grande e va gestita nella sua interezza“. Il sindaco di Milano Sala è intervenuto sulla sua pagina Facebook per commentare quanto accaduto alla Darsena dove si è tenuto un rave party con migliaia di persone.

Questa è la realtà. Sarebbe stato meglio chiudere nel pomeriggio la Darsena? Ma secondo voi, chi stava in giro sarebbe stato a casa o sarebbe andato da qualche altra parte? – ha aggiunto Sala -. Di fronte a questi dati di realtà, la maggior parte dei commenti sono sulla mancanza delle forze dell’ordine. Io però sto dalla loro parte, dalla parte di uomini e donne che sono lì a lavorare e non dalla parte di chi non tiene un comportamento adeguato alla grave crisi sanitaria che stiamo attraversando“.

La mancanza di vigili e polizia

Ma se viene meglio scrivere a lettere cubitali “DOVE ERANO POLIZIOTTI E VIGILI?” cosa volete che vi dica? Solo che continuerò a lavorare, a metterci la faccia. Con pazienza, dedizione e misura, come il mio ruolo richiede“.

Articoli correlati

Back to top button