Cronaca

AstraZeneca, Sileri: “In Italia 15-20% dirà no a questo vaccino”

" Il discorso costo-beneficio nemmeno si pone per i soggetti sopra i 60 anni"

“Forse la media nazionale” delle persone che diranno no al vaccino AstraZenecasarà attorno al 15-20%”. Lo dice il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri. Dopo le news relative ai casi di trombosi successive alla somministrazione del vaccino, in Italia il farmaco è stato raccomandato per i soggetti di età superiore a 60 anni. Nelle regioni, molte persone dicono ‘no’ al vaccino AstraZeneca.

Sileri: “In Italia 15-20% dirà no al vaccino AstraZeneca”

La percentuale è variabile da regione a regione. In alcune regioni è molto alta, in Sicilia è tra il 50% e l’80% in alcune aree. Forse la media nazionale sarà attorno al 15-20% ma è comprensibile dopo l’ultima settimana e dopo ciò che ha vissuto AstraZeneca”, dice Sileri a Domenica In.

“Il vaccino -evidenzia- non è vietato sotto i 60 anni, il rischio-beneficio di quel vaccino è per tutte le fasce di età. L’incidenza attualmente è attorno a 180 casi per 100.000 abitanti. Con questa circolazione, anche tra i giovani questo vaccino è eccellente per evitare che qualcuno vada in terapia intensiva. AstraZeneca può essere usato in qualsiasi fascia di età, il discorso costo-beneficio nemmeno si pone per i soggetti sopra i 60 anni, è a favore del vaccino. È chiaro che le persone si preoccupino, mi preoccuperei anche io se non fossi un medico e sentissi certe cose”, afferma ancora.


Articoli correlati

Back to top button