Cronaca

Fontana indagato per la fornitura dei camici medici: “Favorì il cognato”

Anche Attilio Fontana è indagato nell’inchiesta sulla fornitura dei camici medici per l’emergenza coronavirus in LombardiaNonostante il conflitto d’interessi, secondo i pm il governatore della Lombardia ha avuto un “ruolo attivo” nell’operazione, ovvero l’affidamento diretto all’azienda del cognato di una fornitura di camici da 513 mila euro. Per questo, assieme al cognato Andrea Dini e all’ex dg della centrale unica degli acquisti, Aria, Fabrizio Bongiovanni, è indagato per turbata libertà nella scelta del contraente.

Attilio Fontana indagato per la fornitura dei camici medici in Lombardia

Nel fascicolo d’inchiesta potrebbe esserci di più. Sulla scrivania del procuratore aggiunto Maurizio Romanelli – come riportato da La Stampa – è arrivata la segnalazione di un’operazione sospetta degli esperti dell’Antiriciclaggio di Bankitalia.  Movimenti di denaro che hanno messo in moto la macchina della procura e gli investigatori del Nucleo speciale di polizia valutaria della Gdf. La notizia è emersa proprio nel giorno in cui a essere interrogato dai magistrati è stato un uomo molto vicino al governatore, Filippo Bongiovanni, direttore generale di Aria fino a quando l’apertura dell’inchiesta non lo ha spinto a fare un passo indietro.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button