Economia

L’aumento dei tassi d’interesse spinge a una riflessione

Non solo i mutui a tasso variabile BCE hanno visto crescere il costo applicato al cliente, ma anche i mutui a tasso fisso e i prestiti

L’incremento dei tassi BCE ha avuto un effetto slavina sul mercato dei finanziamenti. Non solo i mutui a tasso variabile BCE hanno visto crescere il costo applicato al cliente, ma anche i mutui a tasso fisso e i prestiti personali sono stati oggetto di rincari. La ragione è piuttosto semplice: con l’aumento dell’inflazione e la crescita dei tassi BCE sale il costo del denaro. Aspetto che riguarda il mondo del credito a 360 gradi.

A peggiorare la situazione sono anche le tempistiche con cui la Banca Centrale ha deciso di muoversi. Dopo 11 anni di tassi negativi, ci sono stati tre rialzi nell’arco di 10 mesi, l’ultimo dei quali è stato a ottobre 2022, quando il costo del denaro è arrivato al 2%. Mentre per tutto il primo semestre dell’anno era zero.

Chiaramente anche i prestiti e i mutui hanno registrato un incremento repentino e chi ha atteso troppo a richiedere un finanziamento nel 2022 si trova oggi di fronte ad offerte molto meno convenienti di quelle disponibili nei primi mesi dell’anno.

In particolare, stando alle rilevazioni del Corriere della Sera, in questi giorni il TAEG di un prestito personale da 5.000 euro con rimborso in 24-36 mesi si aggira intorno all11%. Mentre a settembre 2021 lo stesso finanziamento avrebbe richiesto un TAEG del 9,50% circa.

Ciò non vuol dire però che oggi sia impossibile trovare finanziamenti a tassi sostenibili. Perché se da un lato è certo che il rincaro è stato rapido, dall’altro bisogna ricordare che nel periodo 2007-2008 i tassi di interesse erano ben più alti. Ferma restando la necessità per i risparmiatori di ridurre il più possibile i costi per i finanziamenti.

Una domanda sorge spontanea: a chi rivolgersi per trovare finanziamenti a tassi d’interesse vantaggiosi? Le condizioni possono variare da caso a caso, anche in funzione del profilo del richiedente, ma in linea di massima esistono alcuni operatori del settore credito che applicano tassi piuttosto competitivi.

Uno di questi è Matchbanker, il servizio internazionale di confronto dei finanziamenti che mette in relazione le proposte più interessanti del mercato. Nato con l’intento di aiutare i consumatori a trovare il finanziamento migliore per le loro esigenze, è lo strumento perfetto per orientarsi tra le varie offerte di prestiti considerando i fattori che sono rilevanti per il richiedente (requisiti per accesso al credito, tempi di richiesta, pro e contro di ogni tipologia di finanziamento) invece di fermarsi al mero tasso di interesse.

Interessante anche Younited Credit, un marketplace online del credito (su modello del Digital Credit Platform) che non opera come le banche tradizionali ma segue la logica del prestito tra privati. I tassi di interesse sono abbastanza buoni e i tempi rapidi. Ma prima di attivare un finanziamento è consigliabile leggere con attenzione le sezioni informative del portale ufficiale, per capire come funziona davvero.

Da non dimenticare le offerte di Poste Italiane e Agos, che consentono di ottenere condizioni competitive. Nel primo caso la convenienza si ha principalmente nei finanziamenti rivolti ai lavoratori dipendenti, nel secondo invece i vantaggi riguardano sia i tassi abbordabili sia la velocità di gestione della pratica e la possibilità di tagliare il finanziamento sulle proprie esigenze.

Articoli correlati

Back to top button