Cronaca

Bibbiano, la confessione della pentita: “Ecco come toglievamo i bimbi”

Bambini di Bibbiano, arrivano importanti rivelazioni. A spiegare come funzionava il “sistema” è Cinzia Magnarelli, una delle assistenti sociali indagate nell’ambito dell’inchiesta Angeli e Demoni. La donna è accusata di falso ideologico, frode processuale, violenza privata e tentata estorsione.

Bambini di Bibbiano

La Mangarelli, al gip luca Ramponi, ha fatto luce sul sistema spiegando: “È vero, ho modificato quelle relazioni ma l’ho fatto a causa delle pressioni che subivo dai miei superiori. Mi sono adagiata per del tempo ma poi non ce la facevo più: per questo ho chiesto il trasferimento”, le parole della donna, così come riportate da La Verità. Un racconto utilissimo per le indagini, quanto agghiacciante per il modus operandi di Federica Anghinolfi e colleghi. E quando la Magnarelli ne capì l’andazzo, chiese il trasferimento, ottenendolo nel settembre 2018: “Il clima era quello un po’ della caccia alle streghe…”.

Cinzia Magnarelli racconta: “Io ho sempre pensato di muovermi nella massima tutela per i minori […] Il motivo per cui ho deciso di fare richiesta di trasferimento dal servizio che stavo svolgendo a un altro servizio, sempre nella pubblica amministrazione, è che mi ero resa conto che il servizio sociale utilizzava come criterio principe il controllo invece dell’aiuto”.

I dettagli

“Laddove certe problematiche si sarebbero potute risolvere con il supporto alle famiglie, si prediligeva comunque la valorizzazione degli elementi che potevano portare a una richiesta di trasferimento del bambino a sede diversa da quella familiare. Nel corso del tempo ho metabolizzato il funzionamento del sistema. Il lavoro che facevo all’ interno dell’equipe veniva criticato dai miei superiori. Nelle relazioni che sarebbero poi state mandate alla magistratura c’era sempre una predilezione per una visione dell’educazione del bambino scollegata dalla famiglia. Non veniva ritenuto equo e adatto il supporto all’interno della famiglia…”.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button