Gossip

Barbara D’Urso sullo stalker che l’ha perseguitata: “Paura per le minacce, ho assunto un bodyguard”

Barbara D'Urso parla dello stalker che l'ha perseguitata: "Sono stata costretta ad assumere un bodyguard", lo ha dichiarato

Barbara D’Urso parla dello stalker che l’ha perseguitata: “Sono stata costretta ad assumere un bodyguard”, lo ha dichiarato la conduttrice in un’aula del Tribunale di Roma il 23 giugno  nell’ambito del processo per stalking a carico dell’uomo che l’avrebbe perseguitata per 4 anni.

Barbara D’Urso parla dello stalker che l’ha perseguitata

Di fronte al giudice Valerio De Gioia, la conduttrice 64enne ha raccontato di avere vissuto un incubo fatto di minacce e pressanti richieste rivolte non solo alla donna ma anche ai suoi familiari, una sorella e il figlio Emanuele Berardi.

La deposizione

Non nego di aver paura”, ha raccontato in aula, “Nemmeno dopo la denuncia e l’avvio del processo si è calmato. Anzi, il mio persecutore ha alzato livello e intensità delle minacce. Sono stata costretta ad assumere un bodyguard. Anche di recente è stato visto sotto casa mia. Ha ripreso a bersagliare sui social amici e parenti, e a presidiare gli studi televisivi presentandosi come mio figlio, adottivo, come specifica ogni volta”. “Ti taglio la testa”, le avrebbe detto in un’occasione il suo persecutore, una minaccia che ha comprensibilmente spaventato la conduttrice.

 

 

Articoli correlati

Back to top button