Economia

Boom dell’inflazione, le famiglie perdono 1400 euro

Boom dell’inflazione, le famiglie perdono molti soldi e sembra che siamo solo all'inizio. Il tasso a novembre dovrebbe aggirarsi intorno al 4,9%

Boom dell’inflazione, le famiglie perdono molti soldi e sembra che siamo solo all’inizio. Il tasso a novembre dovrebbe aggirarsi intorno al 4,9%. Cosa significa questo per le famiglie italiane? Circa 1400 euro in meno.

Boom dell’inflazione: quanto ci costa

A un tasso di inflazione annuo del 3,8% l’aumento del costo della vita per una coppia con due figli cresce di 1346 euro l’anno. 524 euro per abitazione, acqua ed elettricità e 567 euro per i trasporti.

Per le coppie con un figlio, invece, l’aumento rientra in questi limiti:

  • l’aumento complessivo è di 1247 euro;
  • per l’abitazione: 526 euro;
  • per i trasporti: 494 euro.

In media invece l’aumento per le famiglie (includendo anche quelle senza figli), si aggira su questi livelli:

  • l’aumento complessivo è di 1043 euro;
  • per l’abitazione: 493 euro;
  • per i trasporti: 363 euro.

Boom dell’inflazione: la beffa per i pensionati

Se non è un salasso ci siamo vicini. Sarà un anno complicato anche per i pensionati. Rispetto a una rivalutazione lorda delle pensione che è stata calcolata con l’1,7 per cento, i titolari di assegni pensionistici si ritrovano con una inflazione annua vicina al 4%. Il che significa che la vita diventa più cara. E non di poco.

Boom dell’inflazione: e non è finita

Se poi si considera che la tendenza all’aumento del tasso di inflazione non è destinato a fermarsi a brave, anzi, il discorso diventa ancora più problematico. In particolare per quanti erano già costretti a tanti sacrifici per far quadrare i conti.

Ma basta uno sguardo fuori dai confini per capire che la tempesta inflazionistica sta colpendo tutti e in modo serio. In due economie molto più solide di quella italiana, in Germania e Stati Uniti, l’inflazione ha superato il 6% su base annua.

Boom dell’inflazione: gli aumenti più consistenti

A pesare sul boom dell’inflazione sono soprattutto questi aumenti:

  • energia: + 27,4% (a ottobre era su base annua +23,7%);
  • servizi: + 2,7% (ottobre, 2,1%);
  • prodotti industriali non energetici: 2,4% (ottobre 2,0%);
  • cibo, alcol e tabacco: +2,2% (ottobre, 1,9%).

Boom dell’inflazione: così in Italia

In Italia il tasso di inflazione di novembre sarà del 4%, rispetto al 3,2% di ottobre. Su base annua siamo al 3,8%. Gli stessi livelli registrati nel 2008, nel pieno della grande crisi economica.

L’Istat ha già effettuato le stime preliminari: l’inflazione di fondo è ai livelli del marzo 2013.

Una inflazione così alta non è un segnale positivo, soprattutto per economie che, si presume, stiano tentando la risalita dopo il disastro causato dalla pandemia (che non può dirsi conclusa).

A guidare gli aumenti, come da mesi ormai, sono sempre i beni energetici, che hanno fatto registrare a novembre un +30,7% rispetto al già notevole +24,9% di ottobre.

In particolare:

  • la componente energetica non regolamentata: +30,7% (a ottobre, +24,9%);
  • la componente regolamentata cresce di tanto, ma un po’ decelera: +41,8% (a ottobre, +42,3%).

Boom dell’inflazione: gli altri rincari

Il boom dell’inflazione è causato anche da altri aumenti, sono ormai generalizzati. Vediamo quali:

beni alimentari:

  • lavorati (da +1,0 per cento a +1,7 per cento);
  • non lavorati (da +0,8 per cento a +1,5 per cento)

Trasporti (da +2,4 per cento a +3,6 per cento).

Rispetto al boom dell’inflazione vanno invece con controtendenza questi prezzi:

servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (-0,7%).

Accelerano su base annua anche questi prezzi:

  • beni (da +4,2% a +5,3%)
  • servizi (da +1,3% a +1,7%).

Boom dell’inflazione: caro bollette

Le stime preliminari sull’indice armonizzato dei prezzi al consumo fa registrare un aumento dello 0,8% su base mensile e del 4,0% su base annua (da +3,2% di ottobre).

Nel frattempo continua la crescita impetuosa del costo del gas.

Il prezzo del gas europeo è salito del 6,2% (costa 99,2 euro per megawattora).

Ma stanno esplodendo anche i prezzi dell’elettricità.

Anche per questo il governo Draghi ha deciso di stanziare quasi un altro miliardo per contenere le spese per le bollette per le famiglie che hanno difficoltà economiche.

Articoli correlati

Back to top button