Cronaca

Il calciatore dell’Inter Candreva si offre di pagare la mensa alla bambina povera di Verona

Il calciatore dell’Inter ha deciso di pagare la mensa alla bambina povera di una scuola elementare di Minerbe a cui era stato dato come pasto solo tonno e cracker perché i genitori non erano in regola con i buoni pasto.

Candreva si offre di pagare la mensa alla bambina povera di Verona

Il giocatore dell’Inter Antonio Candreva ha deciso di pagare la retta della mensa per la bambina povera di Minerbe (Verona) costretta a mangiare tonno e cracker a scuola perché i genitori, di origine straniera, non sono in regola con il saldo dei buoni pasto. Il calciatore ha parlato con il sindaco del paese Andrea Girardi, per avere i dettagli della vicenda e annunciare la sua decisione.

L’episodio

Una scatoletta di tonno e un pacchetto di cracker a mensa, a differenza dei suoi compagni, perché i genitori, di origine straniera, non erano in regola con il pagamento dei buoni pasto.

È accaduto alle scuole elementari di Minerbe a Verona e l’episodio era stato denunciato dalla segreteria provinciale del Partito democratico, che parla di “scelta discriminatoria” da parte dell’amministrazione comunale a guida leghista.

La scelta sarebbe stata concordata tra i gestori della mensa e il Comune, di cui è sindaco il leghista Andrea Girardi, dopo inutili solleciti al pagamento verso la famiglia. Una decisione che avrebbe anche turbato la piccola, che ha pianto quando si è vista servire un pasto diverso, e ridotto, dai compagni.

Articoli correlati

Back to top button