Cronaca

Campania, De Luca attacca i giornalisti: “l’80% sono farabutti”. Scoppia la polemica con l’Ordine

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, attacca i giornalisti definendo l’ottanta per cento come farabutti. Immediata la replica dell’Ordine.

Ordine dei giornalisti contro De Luca

«Abbiamo inaugurato il nuovo reparto di terapia intensiva ematologica per fare il trapianto di midollo anche a malati di leucemie con cellule non provenienti da familiari. Un lavoro di grande livello scientifico. Mentre è in corso questo lavoro arrivano sulle pagine nazionali le lenzuola del Cardarelli, nell’ambito di un sistema informativo che è fatto per l’80% di farabutti, per un altro 10% di analfabeti, e salvo il 10% di persone perbene e di grande qualità nel mondo dell’informazione».

A dichiararlo è il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, davanti alle telecamere di Lita Tv. Immediata la replica del presidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli: «È inaccettabile, De Luca rettifichi e chieda scusa».

«De Luca – aggiunge – è stato eletto per governare la Campania e deve accettare le critiche. Non perde, invece, occasione per stilare graduatorie e stabilire percentuali di buoni e cattivi. De Luca se ne faccia una ragione. L’informazione è cronaca e critica, si rassegni».

Dopo le parole del Governatore De Luca sui giornalisti, definiti farabutti, interviene il presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli: «Vincenzo De Luca definisce farabutti l’80 per cento dei giornalisti. Rettifichi e chieda scusa. La Campania lo ha eletto per governare e deve accettare anche le critiche. Non perde, invece, occasione per stilare graduatorie e stabilire percentuali di buoni e cattivi. Se ne faccia una ragione. L’informazione è cronaca e critica. Si rassegni».

Mostra di più

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio