Cronaca

Canada, abusi sessuali sui nativi: le “scuse” di Papa Francesco

Il Pontefice ha annunciato una sua visita nel Paese. Orrore per i corpi rinvenuti la scorsa estate: mostravano segni di abusi

Giungono le scuse di Papa Francesco sugli abusi sessuali ricevuti dai nativi in Canada. Il ritrovamento di alcuni resti in una scuola cattolica la scorsa estate aveva suscitato orrore nel mondo.

Rinvenuti i resti di 215 nativi abusati in una scuola cattolica

La scorsa estate vennero rinvenuti i resti di 215 bambini nativi vicino a quella che un tempo era la Kamloops Indian Residential School, un istituto scolastico gestito dalla Chiesa consistente nell’imporre ai giovani nativi la cultura occidentale. Tali istituti sorsero nell’Ottocento e chiusero intorno alla prima metà del secolo successivo. Molti loro venivano sessualmente abusati per via della loro “diversità” etnica.

Il Pontefice chiede “scusa” a nome della Chiesa

l Papa ha espresso indignazione, vergogna, dolore per quanto subito dai nativi canadesi nelle scuole residenziali cattoliche. “Chiedo perdono a Dio per questa riprovevole condotta di alcuni membri della Chiesa…sono molto addolorato, mi unisco ai vescovi canadesi nel chiedervi scusa“, ha dichiarato Papa Francesco nell’udienza in Vaticano con i nativi e i vescovi canadesi.

Il Pontefice ha annunciato una sua visita in Canada per mostrare la sua vicinanza dinanzi tale dramma venuto alla luce dopo oltre un secolo.

Articoli correlati

Back to top button