Cronaca

L’Onu approva la cannabis terapeutica

La Commissione Onu la cancella dall’elenco delle sostanze più pericolose

L’Onu approva la cannabis terapeutica: la Commissione Onu la cancella dall’elenco delle sostanze più pericolose. I 53 Stati membri della Cnd si sono riuniti per votare 6 raccomandazioni, che l’Oms ha adottato qualche anno fa. Dei 53 Stati, quasi tutti quelli appartenenti all’Europa e all’America hanno votato a favore, compresa l’Italia, raggiungendo la maggioranza di un solo voto, a quota 27.

Cannabis terapeutica: c’è l’approvazione dell’Onu

L’Onu ha riconosciuto ufficialmente le proprietà medicinali della cannabis terapeutica in un voto espresso a Vienna dagli Stati Membri nel corso della Commissione droghe delle Nazioni unite (Cnd), l’organo esecutivo per la politica sulle droghe. I 53 Stati membri della Cnd si sono riuniti per votare sei raccomandazioni che l’Oms ha adottato qualche anno fa.  Tra queste anche la declassificazione della cannabis terapeutica  dalla tabella VI, quella più restrittiva delle sostanze ritenute più pericolose, come eroina e cocaina. La cannabis terapeutica è stata quindi eliminata dalla tabella 4 in virtù dei suoi impieghi terapeutici.

Sostanza pericolosa

La cannabis terapeutica è stata tolta dalla tabella 4, la più restrittiva nella quale si trovano sostanze come eroina e cocaina, in virtù dei suoi impieghi terapeutici.

La situazione in Italia

In Italia ancora molti pazienti faticano a ricevere la terapia a base di cannabis medica. Da 13 anni, nel nostro Paese è consentito il ricorso alla cannabis terapeutica se in possesso di regolare prescrizione medica, ma molto spesso il fabbisogno è superiore alla produzione e all’importazione del farmaco. L’Italia ha un fabbisogno di 1.950 kg all’anno di cannabis medica. A fronte di tale domanda, sulla base di quanto pubblicato sul sito del ministero della Salute, lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze (SCFM), nel 2019, ha distribuito alla Farmacie cannabis per soli 157 kg. Lo stato italiano, per rispondere alla domanda interna, ha dovuto acquistare 252 kg di prodotti importati dall’Olanda.

Articoli correlati

Back to top button