Cronaca

“Ho fatto la chemio con Matteo Messina Denaro”: la testimonianza di una donna

"Era una persona molto gentile" racconta una donna a Tv2000

Il boss latitante Matteo Messina Denaro era ricoverato per un tumore e ha affrontato le chemioterapie sotto falso nome. Una paziente ha raccontato di aver fatto le chemio vicino al boss.

Matteo Messina Denaro ricoverato in clinica grazie a un falso nome: come si chiamava

Matteo Messina Denaro si trovava all’interno della clinica La Maddalena di Palermo, situata nel quartiere San Lorenzo. Stando a quanto è emerso finora, il boss si trovava in cura da almeno un anno presso la clinica palermitana e dove si sarebbe presentato sotto falso nome.  Un medico, rimasto anonimo, ha spiegato: “Frequentava la clinica ed era stato operato in Chirurgia, ora veniva seguito in Oncologia”.

Il ricovero 

Utilizzando un nome falsoAndrea Bonafede, dopo l’operazione era seguito da un team di medici della struttura sanitaria dove avrebbe dovuto “seguire dei trattamenti“. Sarebbe stato un cliente molto noto della clinica, ma ma ovviamente nessuno aveva idea di chi fosse.

“Ho fatto la chemio con Matteo Messina Denaro”: la testimonianza di una donna

Una donna, in un video di Tv2000 anticipato stasera dal Tg2000, ha raccontato di aver condiviso le sedute di chemioterapia con Matteo Messina Denaro all’interno della clinica privata ‘La Maddalena’ di Palermo in cui stamattina il boss mafioso è stato catturato dai carabinieri del Ros.

“Faceva la chemio con me ogni lunedì. Stavamo anche nella stessa stanza, era una persona gentile, molto gentile“.

Nel video, che sarà trasmesso integralmente dal programma ‘Siamo noi’ domani alle 15.15, le parole della paziente: “Ci sono anche mie amiche che hanno il suo numero di telefono. Lui mandava messaggi a tutti. Ha scambiato messaggi con una mia amica fino a questa mattina. Lei è ora sotto shock a casa“.

Veniva chiamato Andrea“, prosegue la donna. “Ho fatto la chemio con un boss, incredibile“, ripete la signora nel video di Tv2000, “ho fatto terapia da maggio a novembre. Abbiamo fatto la terapia insieme per tutta l’estate e lui veniva anche con la camicia a maniche lunghe“.

Articoli correlati

Back to top button