Cronaca

Chi era Peter de Vries, il giornalista investigativo olandese morto in un agguato

Il reporter di cronaca nera era stato gravemente ferito al testa da colpi di arma da fuoco il 6 luglio

Chi era Peter de Vries, il giornalista investigativo olandese morto in un agguato. Il reporter di cronaca nera era stato gravemente ferito al testa da colpi di arma da fuoco il 6 luglio. Aveva 64 anni.

Chi era Peter de Vries, il giornalista investigativo olandese: vita e carriera

Peter Rudolf de Vries, 14 novembre 1956 – 15 luglio 2021, è stato un giornalista investigativo e cronista di cronaca nera olandese. Il suo programma televisivo Peter R. de Vries, misdaadverslaggever (Crime Reporter) (1995-2012) ha coperto casi di alto profilo e ha stabilito un record di ascolto televisivo olandese.

Nel 2005 ha fondato il suo partito politico che è stato sciolto poco dopo. Il 6 luglio 2021 è stato colpito alla testa dopo aver lasciato lo studio televisivo di RTL Boulevard ad Amsterdam dove era apparso come ospite. È stato portato in ospedale in condizioni critiche. Il 15 luglio è morto a seguito della sparatoria.

Primi anni e carriera

Peter Rudolf de Vries è nato il 14 novembre 1956 ad Aalsmeer nei Paesi Bassi. Ha frequentato la scuola primaria ad Amstelveen e la scuola secondaria ad Amsterdam . Dal 1976 al 1977 fu arruolato nell’esercito reale dei Paesi Bassi, dove raggiunse il grado di sergente.

Nel 1978, è diventato un giornalista per il quotidiano De Telegraaf in L’Aia e successivamente in Amsterdam . È passato gradualmente dal giornalismo generale alla cronaca nera coprendo i principali casi criminali nei Paesi Bassi. Nel 1987 si dimise da De Telegraaf e divenne caporedattore del settimanale Aktueel , che trasformò in una rivista di cronaca nera.


morto-peter-de-vries-giornalista-investigativo-olandesa-agguato


Giornalismo investigativo

De Vries ha lavorato per diverse pubblicazioni in passato ed è stato un giornalista criminale indipendente dal 1991. Ha indagato sull’omicidio di Christel Ambrosius, e ha rivelato che Mabel Wisse Smit conosceva il signore della droga Klaas Bruinsma meglio di lei precedentemente ammesso.

Un altro problema importante nel suo spettacolo è stato il ritrovamento di un floppy disk. Questo disco conteneva informazioni dettagliate dalla ricerca AIVD , il servizio segreto olandese . Si è scoperto che il servizio ha osservato il politico assassinato Pim Fortuyn ; il servizio pensava che avesse rapporti sessuali con uomini marocchini.

Rapimento di Freddy Heineken

Nel 1983, De Vries seguì il caso del rapimento di Freddy Heineken per il quotidiano olandese De Telegraaf . Ha partecipato ai procedimenti e talvolta ha visitato gli hotel in Francia dove i rapitori Cor van Hout e Willem Holleeder erano tenuti agli arresti.

Ha scritto due libri basati sulla sua indagine. Il primo fu De zaak Heineken ( The Heineken Case , 1983), pubblicato lo stesso anno del rapimento. Questo è stato seguito da De ontvoering van Alfred Heineken ( The Kidnapping of Alfred Heineken , 1987), un romanzo dal punto di vista di Cor van Hout basato sulle interviste che De Vries ha condotto con Van Hout e Holleeder per un periodo di quattro settimane durante il suo ultimo arresto in hotel a Évry, Essonne nel 1986. Il romanzo è stato successivamente adattato come Rapimento Freddy Heineken (2015) con Anthony Hopkins nei panni di Freddy Heineken. Nel 1994, De Vries ha rintracciato Frans Meijer , uno dei rapitori, in Paraguay.


chi-era-peter-de-vries-giornalista-investigativo-olandese-morto


 

Indagine sulla corruzione della polizia

Il 13 settembre 2006, De Vries è stato arrestato a Oisterwijk e detenuto per diverse ore a Tilburg quando ha cercato di affrontare un agente di polizia con accuse su azioni discutibili riguardanti le eredità di donne anziane.

È stato accusato di un conteggio di violazione di domicilio. Il caso è stato archiviato nel gennaio 2007 “in considerazione degli esiti finali della persistente ricerca della verità e degli esiti dell’inchiesta disciplinare” sul comportamento dell’ufficiale di polizia in questione.

Indagine su Kennedy

Nella prima metà del 2006, De Vries e Wim Dankbaar hanno prodotto uno speciale di due ore e mezza sull’assassinio del presidente americano John F. Kennedy nel 1963 . In quello che è stato lo spettacolo più lungo di De Vries fino ad oggi, ha trascorso due settimane in Texas parlando con ex agenti della CIA e dell’FBI e l’ex fidanzata di Lee Harvey Oswald .

Uno dei soggetti dell’intervista, James Files , ha affermato di essere l’uomo armato responsabile della morte di Kennedy. I file contraddicevano i risultati della Commissione Warren e affermavano che la CIA e la mafia erano coinvolte nell’assassinio.

La scomparsa di Natalee Holloway

Nel novembre 2006 è stato trasmesso un programma di De Vries in cui accusava Joran van der Sloot , uno dei principali sospettati della scomparsa di Natalee Holloway , della sua scomparsa ad Aruba. L’11 gennaio 2008, Van der Sloot gettò un bicchiere di vino rosso in faccia a De Vries subito dopo una trasmissione in diretta del talk show olandese Pauw & Witteman in cui De Vries e Van der Sloot (con i suoi genitori) erano stati ospiti.

Il vino entrò negli occhi di De Vries e in breve sembrò avergli causato una notevole quantità di dolore. Durante la conversazione tesa ma pacifica durante la trasmissione, De Vries ha messo in discussione l’integrità di Van der Sloot in diversi casi.

Il 31 gennaio 2008, De Vries ha detto ai media che sapeva cosa era successo nel caso di Natalee Holloway. Ha condiviso le sue scoperte con la polizia, affermando che avrebbe mostrato pubblicamente questa nuova prova in un episodio speciale del suo programma televisivo.


chi-era-peter-de-vries-giornalista-investigativo-olandese-morto


Il 3 febbraio 2008 il video sotto copertura è andato in onda sulla televisione olandese che mostrava Van der Sloot che presumibilmente fumava marijuana e ammetteva di essere stato presente durante la morte di Holloway. Lo spettacolo è stato visto da 7 milioni di telespettatori nei Paesi Bassi ed è stato il programma non sportivo più popolare nella storia della televisione olandese.

Patrick van der Eem, lavorando sotto copertura per De Vries, aveva stretto amicizia con Van der Sloot, che non sapeva di essere registrato quando ha detto che Holloway aveva subito una sorta di attacco mentre faceva sesso sulla spiaggia. Dopo non essere riuscito a rianimarla, ha detto di aver convocato un’amica di nome Daury, che l’ha caricata su una barca e ha scaricato il suo corpo in mare.

Il pubblico ministero di Aruba ha stabilito che il video era ammissibile, ma le prove sono state ritenute insufficienti per giustificare il nuovo arresto. Sebbene la confessione registrata apparisse schiacciante, Van der Sloot sostenne che stava mentendo per impressionare Van der Eem, che credeva fosse uno spacciatore di droga.

Van der Eem ha affermato che la ABC ha pagato 830.000 dollari per assicurarsi i diritti per trasmettere il programma negli Stati Uniti. De Vries ha scritto l’introduzione al libro di giugno 2008 Overboord: hoe ik Joran van der Sloot aan het praten kreeg ( Overboard: how I got Joran van der Sloot to talk ) in cui Van der Eem racconta la sua esperienza con Van der Sloot con trascrizioni di il video sotto copertura.

Il 22 settembre 2008, a New York, De Vries ha accettato un International Emmy Award in Current Affairs per la sua copertura mentre era accompagnato dalla madre di Natalee, Beth Holloway.

Joran van der Sloot traffico sessuale

Nel novembre 2008, De Vries ha mandato in onda un filmato sotto copertura di Van der Sloot che si preparava per l’apparente traffico sessuale di donne thailandesi a Bangkok . De Vries ha affermato che Van der Sloot guadagnava $ 13.000 per ogni donna venduta alla prostituzione nei Paesi Bassi.

Van der Sloot usò lo pseudonimo di “Murphy Jenkins” per evitare le autorità thailandesi. Il ministro della Giustizia peruviano Aurelio Pastor ha affermato che la Thailandia sta perseguendo accuse penali contro Van der Sloot. Secondo The National Enquirer , è indagato per il suo coinvolgimento nella scomparsa di giovani donne che potrebbe aver reclutato per una banda di schiave sessuali thailandesi mentre si fingeva consulente di produzione per unagenzia di modelle che li avrebbe mandati in Europa.


chi-era-peter-de-vries-giornalista-investigativo-olandese-morto


Morte di Mariska Mast

Nell’agosto 2010, De Vries si è recato a Subiaco, nell’Australia occidentale, nel tentativo di intervistare l’istruttore subacqueo Daniel Ian Ross, ricercato dall’Interpol per la morte nell’agosto 2008 della turista olandese di 23 anni Mariska Esmeralde Mast sull’isola honduregna di Roatan.

Ross fu inizialmente arrestato e rilasciato dopo aver consegnato il suo passaporto britannico con le istruzioni di non lasciare l’isola. Ross, che ha la doppia cittadinanza , ha poi usato il suo passaporto australiano per lasciare l’isola.

Ross ha negato la responsabilità della morte attraverso i suoi avvocati in Australia , che non ha untrattato di estradizione con l’Honduras. Un rapporto dell’autopsia ha dichiarato che Mast è morto per lesioni da corpo contundente e per asfissia derivanti dallo strangolamento.

Il suo coinquilino Jisoo Han , che ha aiutato a portare Mast all’ospedale, è stato successivamente arrestato ed è agli arresti domiciliari in Honduras. Han si appellò pubblicamente a Ross di farsi avanti e scagionarla. Ross ha chiamato la polizia quando De Vries ha tentato di contattarlo a casa sua il 19 agosto. De Vries è stato arrestato e ha pagato una multa di $ 200 per aver disobbedito a un ordine della polizia di andare avanti.

Il 6 settembre magistrato di Perth Giuseppe Cicchini ha respinto una domanda di Ross per un ordine restrittivo contro De Vries, che aveva ormai lasciato il paese. De Vries ha criticato la polizia del Western Australia per averlo arrestato, affermando: “Non l’ho toccato, non l’ho insultato, non l’ho minacciato… Questo è un caso di omicidio e l’ho rintracciato e ora mi metti in galera. Questo è il mondo sottosopra”.

Documentario con Beth Holloway

L’11 settembre 2010, De Vries si è recato a Lima , in Perù , con la sua troupe televisiva e Beth Holloway per visitare la prigione di Miguel Castro Castro dove era detenuto Joran van der Sloot in attesa del processo per l’omicidio e la rapina di Stephany Tatiana Flores Ramírez.

Secondo l’avvocato di Van der Sloot Maximo Alonso Altez Navarro, il suo cliente è stato portato a incontrarli “praticamente con la forza”. Altez Navarro ha dichiarato che l’incontro con Holloway è durato “meno di un minuto”, con Van der Sloot che ha detto che non poteva parlarle senza il suo avvocato presente e le ha consegnato il suo biglietto da visita. Altez Navarro ha affermato che Holloway è stata “intrufolata” nella prigione senza essere identificata dalla troupe dei media con cui era.

Un portavoce della prigione ha dichiarato che il nome di Holloway non è stato trovato nel registro dei visitatori. Il gruppo è stato rimosso dalla prigione, secondo quanto riferito, dopo che una telecamera nascosta è stata scoperta dalle guardie.  I rappresentanti di Holloway e De Vries hanno negato che sia stata coinvolta una telecamera nascosta né che sia stato sequestrato nulla.

Colonnello Abel Gamarra della Polizia Nazionale del Perù ha dichiarato che non sono stati effettuati arresti. Mentre era in Perù, Holloway ha parlato con il fratello di Flores Ramírez, Enrique, davanti alla telecamera. Il 17 settembre De Vries e il gruppo lasciarono il Perù per Panama e arrivarono ad Aruba lo stesso giorno.

Trascorse alcuni giorni ad Aruba lavorando con Holloway su un documentario sulla figlia scomparsa da trasmettere alla televisione olandese, con la collaborazione dei pubblici ministeri che stavano indagando su Van der Sloot.

Politica

Nel 2005, De Vries ha fondato un partito politico, Partij voor Rechtvaardigheid, Daadkracht en Vooruitgang (PRDV o Partito per la giustizia, l’azione e il progresso ). Il 31 ottobre ha presentato i suoi piani che si concentravano principalmente sul cambiamento della cultura politica esistente nei Paesi Bassi.

Per dimostrare il suo punto, ha affermato che un sondaggio di opinione il 16 dicembre avrebbe deciso se avrebbe effettivamente continuato il suo partito o meno, con un limite del 41%. Poiché solo il 31,4% pensava che De Vries sarebbe stato un guadagno per la politica olandese, decise di sciogliere il partito.

Ufficio Avvocati e Investigazioni

Insieme all’avvocato penalista Khalid Kasem, nell’ottobre 2017 De Vries e suo figlio Royce de Vries hanno aperto uno studio legale a Diemen (zona sud-est di Amsterdam) De Vries & Kasem – Avvocati | Indagini. In qualità di non avvocato egli stesso, è diventato il direttore della società e lavora per i clienti in relazione alle loro questioni relative ai media o fornendo una seconda opinione.

Processo di Marengo

Nel 2021 De Vries ha sostenuto il testimone della corona nel processo di Marengo.

Assassinio

Il 6 luglio 2021, de Vries fu fucilato dopo aver lasciato lo studio televisivo di RTL Boulevard ad Amsterdam dove era apparso come ospite. È stato portato in un ospedale in condizioni critiche. Quella stessa sera l’ospedale del VU medisch centrum fu pesantemente messo in sicurezza. La polizia olandese ha arrestato tre sospetti quella stessa sera, uno dei quali è stato rilasciato il giorno successivo, poiché non era più un sospettato.

Il re dei Paesi Bassi lo definì un attacco al giornalismo e un attacco al rechtsstaat ( stato di diritto ). Anche il primo ministro uscente Mark Rutte lo ha definito un attacco al giornalismo libero. Molte persone famose e sconosciute hanno reagito all’attacco e alla sua morte. De Vries era spesso minacciato, ma non voleva alcuna sicurezza.

Aveva persino un tatuaggio sul braccio con il suo motto In ginocchio piegato non c’è modo di essere liberi. Ha spiegato il tatuaggio come “Significa che non siamo sottomessi a nessuno. Che nessuno può dominarci. Ciò significa che non siamo mai, mai, schiavi di nessuno”. Il ministro uscente Ferd Grapperhaus di Giustizia e Sicurezza ha commissionato un’indagine indipendente sulla sicurezza De Vries. De Vries è morto a causa della sparatoria il 15 luglio 2021.

Articoli correlati

Back to top button