Gossip

Claudio Amendola si confessa ai microfoni di Verissimo

L'attore ha confessato a Silvia Toffanin di pensare ancora alll'infarto

Claudio Amendola, ospite a Verissimo, racconta della sua salute a Silvia Toffanin. L’attore confessa alla conduttrice di pensare ancora all’infarto e di come le sue priorità siano cambiate dopo quell’evento. Ricordiamo che Verissimo va in onda con un doppio appuntamento sia di sabato che di domenica pomeriggio.

Claudio Amendola ospite a Verissimo, infarto

Claudio Amendola, ospite a Verissimo confessa alla conduttrice Silvia Toffanin di pensare ancora all’infarto e di come le sue priorità siano cambiate dopo quell’evento. Ricordiamo che Verissimo va in onda con un doppio appuntamento sia di sabato che di domenica pomeriggio. Amendola ritorna come ospite nel salotto di Verissimo dopo tre anni dall’ultima volta. Dopo l’infarto Claudio Amendola ha cambiato le sue priorità, come ha ammesso egli stesso alla Toffanin, spiegando che il pensiero della malattia lo aiuta a trattenersi negli eccessi: “Ho avuto un piccolo infarto ed è stato meraviglioso perché ho imparato il meglio della vita. Il mio problema di salute mi ha fatto cambiare le priorità, ma il pensiero al fatto che sono stato male ce l’ho ancora oggi”.

Claudio Amendola e l’amore per la famiglia

Tra le persone più importanti della vita dell’attore c’è sua moglie Francesca Neri, Claudio ha ammesso di trovarsi in un periodo della vita molto positivo, e che gran parte dei suoi cambiamenti li deve proprio a Francesca: “Sono in un’ottima fase della mia vita, è un bellissimo momento sia professionale che personale, sto bene io e le persone a cui tengo. Mia moglie è una donna splendida, mi ha dato la possibilità di diventare grande e amare lei mi ha dato la possibilità di imparare a voler bene agli altri”. L’attore è anche genitore di tre splendidi figli: Alessia, Giulia e Rocco e alla Toffanin ha raccontato la paternità da tre punti di vista diversi, ovvero a seconda dell’età a cui ha avuto ciascun figlio (21, 28 e 36 anni). “Diventando papà a 21, 28 e 36 anni è cambiata la consapevolezza del ruolo di padre” ha ammesso a Silvia Toffanin, poi proseguendo: “Sono stato un bravo padre, con tutti i difetti e le difficoltà, ma non ho mai tradito nessuno dei miei tre figli, son sempre stato leale con loro, anche nelle debolezze”.

Articoli correlati

Back to top button