Cronaca

“Colombe pasquali più leggere”, Unione consumatori segnala ad Antitrust

Peso ridotto per mascherare aumenti di prezzo anche per confezioni di caffè, pasta e mozzarelle

Scoppia il caso delle colombe di Pasqua più leggere rispetto a quanto indicato sulle confezioni. Le colombe pasquali da 750 grammi con confezione simile a quelle da 1 Kg finiscono all’Antitrust. A segnalarlo all’Adnkronos, a pochi giorni da Pasqua è l’Unione nazionale consumatori che ha presentato un esposto all’Authority sulla tecnica di marketing della cosiddetta “shrinkflation”, che ridimensiona il peso consolidato di prodotti di largo consumo per mascherare l’aumento del prezzo.

Pasqua, colombe più leggere: la segnalazione

“Una pratica legittima ridurre il peso se però non si inganna il consumatore medio inducendolo in errore rispetto al prezzo effettivamente praticato, falsandone il processo decisionale, invogliandolo in tal modo a fare un acquisto che non avrebbe fatto solo perché ingannato sulla convenienza di quel prodotto, in realtà più caro” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. A finire nel mirino dell’associazione sono anche le mozzarelle da 100 grammi invece che da 125, il caffè da 225 al posto di quello da 250 grammi, la pasta non nei formati consolidati da 500 grammi e da 1 Kg, il tè con 20 bustine invece di 25 e innumerevoli altri prodotti tra i quali, appunto, le colombe pasquali da 750 grammi.

L’Unc ha chiesto anche all’Antitrust, avvalendosi dell’ausilio del Nucleo Speciale della Guardia di Finanza, di fare controlli a tappeto per sanzionare i negozianti che omettono di indicare il prezzo per unità di misura, violando l’art. 17 del Codice del Consumo.

La sgrammatura

“La ‘sgrammatura’ dei prodotti è antica, ma con la crisi attuale e gli aumenti dei costi di produzione delle aziende, dovuti ai rincari energetici di luce e gas, le segnalazioni dei consumatori si sono moltiplicate e le tecniche delle aziende si sono fatte sempre più insidiose“, afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unc.

“E’ scorretto, però, diminuire il quantitativo interno di un prodotto mantenendo la confezione della stessa grandezza, oppure ridurre di pochi grammi il peso rispetto a quelli tradizionali e consolidati da decenni, così come è ingannevole nascondere il peso anomalo nella parte nascosta della confezione, quella inferiore, scrivendolo a caratteri minuscoli tra decine di altre scritte, costringendo il consumatore ad organizzare una caccia al tesoro per trovarlo” conclude Dona.

Articoli correlati

Back to top button