CronacaPolitica

Guglielmo Epifani è morto a 71 anni: carriera e vita privata dello storico sindacalista Cgil

Com'è morto Guglielmo Epifani: pensione, malattia, moglie e figli del sindacalista e politico morto a 71 anni

Com’è morto e di quale malattia Guglielmo Epifani, deceduto lunedì 7 giugno 2021 all’età di 71 anni? Ettore Guglielmo Epifani (Roma, 24 marzo 1950 – Roma, 7 giugno 2021) è stato un sindacalista e politico italiano. È stato Segretario generale della CGIL dal 2002 al 2010 e dall’11 maggio 2013 al 15 dicembre 2013 segretario del Partito Democratico. Tuttavia nel 2017 ha abbandonato quello stesso partito di cui era stato segretario a causa dei disaccordi interni per la linea attuata dal suo successore, Matteo Renzi.


com-e-morto-guglielmo-epifani-malattia-moglie-sposato-figli


Com’è morto Guglielmo Epifani

Nato a Roma da genitori di origine campana, nel 1953 la famiglia si trasferì a Milano per poi tornare nella capitale, nel quartiere Talenti, dove Epifani terminò gli studi superiori presso il liceo Orazio conseguendo la maturità classica nel 1969. Nel 1973 si laureò all’Università La Sapienza di Roma in filosofia con una tesi su Anna Kuliscioff. È morto il 7 giugno 2021 all’età di 71 anni per cause ancora non chiare.

Vita privata di Guglielmo Epifani: moglie e figli

Guglielmo Epifani è stato sposato a lungo con Maria Giuseppina De Luca, sua moglie per tanti anni. I due si conobbero tra i banchi di scuola del liceo Orazio di Roma e da quel momento non si sono più separati. Non hanno mai avuto figli. La moglie ha lavorato come dirigente di secondo livello presso l’Inail. 


com-e-morto-guglielmo-epifani-malattia-moglie-sposato-figli


La carriera politica di Guglielmo Epifani

Alle elezioni politiche italiane del 2013 viene candidato alla Camera dei deputati, nella circoscrizione Campania 1, come capolista del Partito Democratico, venendo eletto deputato della XVII Legislatura. Il 7 maggio 2013 viene eletto presidente della X Commissione permanente Attività produttive, Commercio e Turismo della Camera dei Deputati.

La polemica per la pensione di Guglielmo EPifani

 “Epifani colleziona stipendi, ecco la sinistra dei poveri”, scriveva Maurizio Belpietro, dalle pagine di Libero, attacca il segretario del Partito Democratico. “Furbate democratiche” le chiama Belpietro“Prima di lasciare il timone della Cgil – si legge su Libero, in prima pagina –  Guglielmo Epifani si è alzato lo stipendio e ora percepisce 3.400 euro netti al mese. Che si aggiungono alla ricca paga da parlamentare.”

Ecco, nel dettaglio, la vicenda raccontata da Belpietro. Tutto parte da Gianni Rinaldini, “combattente” segretario della Fiom, che, scrive Libero,  decide di scrivere una lettera piccata a Vincenzo Scudiere (Organizzazione) per scoprire come mai Epifani riesca ad incassare una pensione tanto più alta di altri sindacalisti di lungo corso.

Articoli correlati

Back to top button