Tv e Spettacoli

Come finisce Di4ri? La nuova serie Netflix disponibile dal 18 maggio

Il finale della nuova serie teen di Netflix

Come finisce Di4ri? Uscita mercoledì 18 maggio la prima serie televisiva per ragazzi realizzata da Netflix Italia. Le vicende degli otto protagonisti continueranno con una seconda stagione? Attualmente non giungono conferme da parte del colosso dello streaming.

Come finisce Di4ri ? La nuova serie Netflix teen

Disponibile dal 18 maggio la prima serie televisiva per ragazzi realizzata da Netflix Italia. Le vicende degli otto protagonisti continueranno con una seconda stagione? Attualmente non giungono conferme da parte del colosso dello streaming. Intanto abbiamo visto che alla fine della prima stagione, la 2^D mette in atto una protesta per impedire la chiusura della loro scuola.

Il rapporto tra Pietro e Livia sembra affrontare una battuta d’arresto, mentre Paolo si rimette in contatto con figlio, ascoltando il consiglio di Pietro. Daniele riceve una sorpresa inaspettata e impara a lasciarsi andare. Sulle note di “Pastello bianco” dei Pinguini Tattici Nucleari il futuro della scuola media resta in sospeso, mentre i compagni di classe, chiusi nella loro aula, appendono fuori dalla finestra uno striscione che recita: “Students first,” ovvero studenti prima di tutto. I loro genitori li osservano dal cortile non approvando i loro gesti!

La trama della prima stagione

Come riporta il sito Tvserial, vedremo prime cotte, primi baci, belle amicizie e liti tra rivali. Alla scuola media Galileo Galilei le giornate trascorrono tra mille sorprese! Di4ri è la prima serie Netflix italiana per ragazzi. Lo show mette piede nella vita di tutti i giorni dei ragazzi della 2D.

Un viaggio tra gioie, emozioni, primi amori, drammi, primi baci, litigi e tanto divertimento. Svariate le tematiche fronteggiate nel corso degli episodi, dal coming out alle conseguenze di un matrimonio in crisi, dal peso delle pressanti aspettative dei genitori all’ansia di crescere, così come dalla dislessia alla sofferenza per la solitudine provata, fino all’accettazione di sé.

Articoli correlati

Back to top button