Cronaca

Violenza sulle donne: la Commissione del Senato dispone indagine ufficiale sui femminicidi

Oltre 200 casi di femminicidio tra il 2017 e il 2018: la Commissione del Senato ha avviato un’indagine conoscitiva ufficiale, verranno esaminati i dati provenienti dalle istituzioni e dalle associazioni.

Femminicidio: Commissione del Senato avvia indagine ufficiale

I dati del fenomeno – viene spiegato – sono infatti molto variabili rispetto alla fonte di riferimento e questo rappresenta un primo problema, per aggredire in maniera adeguata la questione.

Indagare sulle ragioni

Lo scopo dell’indagine è di rilevare, attraverso l’analisi degli atti delle indagini preliminari e del primo e secondo grado di giudizio – anche con l’ausilio degli esperti (in primis magistrati e avvocati) che collaborano con la Commissione e che hanno elaborato una griglia di analisi – le cause che hanno portato al femminicidio finale attribuibili al cattivo funzionamento del sistema di protezione (giudiziario, sociale, delle Reti del territorio) della donna vittima di violenza relazionale.

Errori e ricerca della verità

Non si tratta di un’indagine – viene sottolineato – finalizzata a ricercare responsabilità individuali, ma ad analizzare disfunzioni di sistema, che potranno essere successivamente corrette soprattutto attraverso la sensibilizzazione e la formazione degli operatori. Nei prossimi giorni verranno trasmesse le richieste di trasmissione degli atti ai presidenti delle Corti di Appello e ai procuratori generali competenti per territorio.

I risultati entro novembre

“È la prima volta – spiega la presidente Valeria Valente a nome di tutta la Commissione – che si indaga per capire cosa davvero non funziona nella catena, che poi purtroppo troppo spesso non riesce a evitare tanti femminicidi, anche dopo la denuncia. Chiediamo a tutti la massima collaborazione perché i risultati, che speriamo di presentare il 25 novembre in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, potranno aiutarci a evitare tanti epiloghi drammatici”.

Articoli correlati

Back to top button