EconomiaPolitica

Salvini: “Chi paga il caffè con la carta è un rompiballe” | La Corte dei Conti ‘stoppa’ il governo

Contanti e pagamenti elettronici, interviene la Corte dei Conti. Salvini: "Chi paga il caffè con la carta è un rompiballe"

La Corte dei Conti frena il Governo sulla volontà di alzare l’uso dei contanti e sui pagamenti elettronici. La Corte, nel corso dell’audizione alle commissioni bilancio di Camera e Senato sulla legge di bilancio, sottolinea che l’innalzamento del limite per l’uso dei contanti può “risultare non coerenti con l’obiettivo di contrasto all’evasione fiscale previsto nel Pnrr“.

Contanti e pagamenti elettronici, interviene la Corte dei Conti

La manovra 2023-25 conferma i positivi orientamenti sui saldi di finanza pubblica preannunciati nella NaDEF. E’ positiva la scelta di mantenere entro margini limitati gli interventi previsti per il 2023 con ricorso a indebitamento, puntando, nel medio termine, alla riduzione del saldo di bilancio entro la soglia del 3% e a una più rapida discesa del debito rispetto a quanto prospettato nel DEF.

È quanto emerge dal documento che la Corte dei conti ha presentato, oggi, in audizione alle Commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato, nell’ambito dell’attività conoscitiva preliminare all’esame della Legge di bilancio 2023.

Nonostante il limitato tempo a disposizione, hanno evidenziato i giudici contabili, si sono approntati interventi per importi significativi senza ricorrere in misura rilevante a nuove entrate (eccettuata la misura sugli extra profitti delle imprese del settore energetico) e individuando minori spese per importi considerevoli.

L’incertezza della Corte dei Conti

Permangono, tuttavia, elementi di incertezza sul quadro di finanza pubblica modificato dalla manovra. L’intervento sui costi dell’energia, pur di dimensioni rilevanti (oltre 20 miliardi nel 2023), è destinato a esaurire la maggior parte degli effetti nel primo trimestre dell’anno. In caso di persistente aumento dei prezzi e nonostante il gettito che deriverebbe dalla tassazione dei sovraprofitti, la dimensione del fabbisogno è rappresentata dalla differenza con gli importi impiegati nel corso del 2022.

Oltre alle misure per l’energia (considerando gli importi al netto degli effetti fiscali per la deindicizzazione e per la decontribuzione e la sostituzione del reddito di cittadinanza), la manovra 2023 prevede ulteriori interventi per 18 miliardi, coperti, nel primo anno, sia con maggiori entrate (in gran parte temporanee, legate ai sovraprofitti energetici), pari a 7,6 miliardi, che con minori spese, pari a circa 10,5 miliardi. Nel biennio successivo, al contributo del risparmio sul fronte previdenziale e della revisione del reddito di cittadinanza, si aggiunge un limitato aumento delle entrate e, soprattutto nell’anno finale, un consistente taglio di spesa (poco meno di 16 miliardi, di cui 5 in conto capitale), che consente di prefigurare un avanzo di circa 5 miliardi.

Salvini e il caffè pagato con carta

Nelle scorse ore, il ministro dei trasporti, Matteo Salvini, è intervenuto in merito dichiarando: “Se uno vuole pagare due euro il caffè con la carta di credito è solo un rompiballe”.

Articoli correlati

Back to top button