Cronaca

Coronavirus, ora cambiano le ricette: codice e invio via mail

Coronavirus, ora cambiano anche le ricette. L’obiettivo è evitare inutili e pericolose code presso gli ambulatori dei medici. Luoghi in cui spesso il coronavirus riesce a fare il numero maggiore di vittime. Oltre che, in queste condizioni, si metterebbe a rischio la salute del medico stesso. Per questo il capo della protezione civile, Angelo Borrelli, ha firmato oggi l’ordinanza per la dematerializzazione delle ricette mediche. La ratio della norma è chiara: evitare il più possibile i contagi.

Coronavirus, cambiano le ricette: tutto via mail

“Oggi ho firmato un’ordinanza che permetterà la dematerializzazione delle prescrizioni. Ci sarà un codice numerico che i pazienti indicheranno in farmacia e non bisognerà più andare dal medico di base”. In questi giorni si è fatto forte il grido di allarme del personale sanitario attivo presso gli ambulatori, gli studi dei medici di base letteralmente presi d’assalto. E un po’ in tutta Italia si chiedeva che il governo si attivasse nel consentire la dematerializzazione delle ricette.

Ridurre il numero di accessi nelle strutture

Tutto questo, come detto, al fine di ridurre il numero di accessi nelle strutture e di limitare questi ultimi soltanto ai casi di emergenza o di coronavirus. Nei centri salute e negli studi dei medici di famiglia, invece, fino a oggi si continuava a vedere affluire pazienti che chiedevano le ricette per le patologie croniche. Si fa tanto parlare di smart working e questo è proprio uno di quei settori in cui era vitale poterlo introdurre da subito.

Il continuo afflusso di pazienti negli ambulatori costituisce un rischio non da poco per i pazienti stessi e per tutto il personale sanitario. La dematerializzazione delle ricette e la loro domiciliazione presso le farmacie consentirà di bypassare tutta la procedura di richiesta e ritiro. Queste potranno essere inviate con un semplice “click” direttamente dal terminale del medico alla farmacia indicata dal paziente, eliminando completamente la necessità di incontro reale tra paziente e medico.

Prevenire il collasso degli ambulatori medici

Secondo i medici era urgente intervenire per evitare il collasso di tutti gli ambulatori del territorio nazionale. Si era parlato nei giorni scorsi di questa opzione. Ma come funziona la ricetta medica dematerializzata? Viene rilasciata dal dottore del sistema sanitario nazionale o convenzionato. Oppure dal medico di famiglia, dal pediatra, dall’ospedale ma anche da dottori privati convenzionati, medici specialistici ambulatoriali e dalla guardia medica.

La prescrizione di farmaci ed esami diventa elettronica

In pratica, anche la prescrizione di farmaci ed esami diventa elettronica con un documento scritto in modalità informatica da un medico prescrittore secondo regole nazionali e regionali. Facile intuire che il risparmio di tempo e di soldi per la sanità sarà notevole con un miglior monitoraggio della spesa. E una maggiore possibilità di garantire la verifica dell’appropriatezza della prescrizione da parte del ministero della Salute. Ora, oltre che economicamente vantaggioso, risulta vitale per proteggere tutti i cittadini dal coronavirus.


Le ultime notizie sul coronavirus

Coronavirus: le ultime notizie

Articoli correlati

Back to top button