Coronavirus in Campania: Regione e comuni chiederanno i dati per tracciare i contatti dei contagiati

Coronavirus Comuni dati

L'Anci Campania ha inviato una lettera a Vincenzo De Luca, al fine di attivare le procedure per l’acquisizione dei dati contagiati da Coronavirus

Coronavirus: i Comuni campani richiedono i dati per tracciare i soggetti positivi

“Per battere il Coronavirus dobbiamo usare tutta la tecnologia di cui disponiamo. L’ordine, per tutte quelle persone che non svolgono un’attività cruciale a mantenere in piedi il Paese, è di stare in casa. Una regola che in troppi violano. Non solo. Ma occorre trovare il contagiato, isolarlo, e tracciare ogni contatto.” affermano i sindaci campani nella lettera indirizzata al presidente De Luca ed a Italo Giulivo, Coordinatore dell’Unità di Crisi Regionale.


Coronavirus Comuni dati


Per fare questo rapidamente le Autorità (non solo nazionali, ma anche regionali e comunali) possono chiedere agli operatori mobili di mettere a disposizione i dati in loro possesso, e tecnologie efficienti per controllare il rispetto del distanziamento sociale su larga scala, con risparmio di risorse umane delle forze dell’ordine, e canali di comunicazione con i cittadini”.

Il testo della lettera dell’Anci Campania

“La Regione Campania da giorni ha attivato stringentimisure per favorire il distanziamento sociale delle persone e contrastare l’evolversi della situazioneepidemiologica il cui carattere appare fortemente diffusivo, con incremento di casi anche sul territorioregionale.

I Sindaci della Campania, in qualità di autorità sanitaria territoriale, appaiono fortemente preoccupati per il diffondersi del contagio e, vista la crescente complessità della pandemia da Covid-19, invitano la Regione Campania all’adozione di ulteriori misure per il controllo e il contenimento del Coronavirus, affiancate a quelle già in atto, sia di profilo nazionale che regionale.

Si ritiene, a tal proposito, molto utile attivare, come la più recente reportistica internazionale consiglia, le procedure per l’acquisizione dei dati dai gestori di telefonia mobile e dalle principali applicazioni in uso per ottenere le coordinate Gps dei soggetti positivi e dei potenziali contatti.

In questo quadro appare, infatti, importante procedere, dopo aver identificato i soggetti positivi e i potenziali contatti, alla somministrazione di test rapidi per verificarne l’eventuale contagio e delineare gli scenari di intervento per il contrasto più efficace e immediato alla diffusione dell’epidemia”.

TAG