Cronaca

Coronavirus: il numero uno al mondo Novak Djokovic contrario al vaccino, “non lo farò per giocare a tennis”

Il numero uno al mondo Novak Djokovic ha dichiarato di non voler fare il vaccino anti Coronavirus per poter giocare a tennis. “Personalmente sono contrario a farmi vaccinare e ancora di più se mi costringono a farlo. Non voglio sentirmi dire che devo farlo per viaggiare di nuovo. Se arriva il giorno in cui è obbligatorio, dovrai prendere una decisione al riguardo.” queste le sue parole in una videochiamata con altri atleti serbi, che hanno una forte eco politica in quanto Novak è il presidente del Consiglio dell’Atp.

Coronavirus: Novak Djokovic contrario al vaccino, “non lo farò per giocare a tennis”

Il tennis è uno degli sport più colpiti dalla pandemia di Coronavirus, poiché tornei si disputano in ogni angolo del mondo e viaggiare oggi è difficile per tutti. La stagione è ferma da inizio marzo e almeno fino a luglio non si potrà tornare s giocare. Sono in dubbio sia gli Internazionali d’Italia a Roma che gli Us Open, mentre Wimbledon è stato cancellato.

Il parere di Djokovic sulla questione vaccino è importante non solo perché è il numero uno del mondo, ma perché è anche il presidente del Consiglio dei Giocatori dell’ATP (Association of Tennis Professionals). Quindi la sua è anche un’opinione politica che può condizionare molti altri tennisti, che aspettano il momento del ritorno in campo. Per ora il serbo ha espresso il suo parere solo in una videochiamata con altri atleti del suo paese, ma è probabile che ne parlerà anche con tutti gli altri tennisti.

Djokovic e le donazioni per l’Italia

Djokovic è molto attivo nella lotta all’epidemia da Coronavirus. La scorsa settimana ha donato una grossa cifra di denaro agli ospedali di Bergamo. A febbraio si è presentato anche sul palco del Festival di Sanremo 2020.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button