Cronaca

Coronavirus, matrimoni rinviati: flash mob delle spose a Roma

Flash mob a Roma delle imprese del settore Wedding: una decina di “spose”, con tanto di marcia nuziale e ombrellini per ripararsi dal sole, ha sfilato davanti a palazzo di Montecitorio reggendo cartelli con slogan come “Ridateci la libertà di festeggiare”.

Matrimoni rinviati: la protesta delle spose

L’idea è dell’Associazione italiana regalo, bomboniere, confetti e wedding (Airb) che punta a chiedere al governo una mano per far sopravvivere il settore, gravemente colpito dall’emergenza sanitaria. Cerimonie e feste nuziali infatti sono ancora sospese a causa delle misure per prevenire il contagio da Covid-19, mentre è tornata possibile la celebrazione dei matrimoni.

Secondo l’associazione, circa il 90% delle cerimonie sono state rinviate al 2021. “Il nostro settore ha subito un calo tremendo: da 219 mila matrimoni celebrati nel 2019, oggi siamo a circa 8000. Tutto è stato rimandato al 2021 – spiega Luciano Paulillo, presidente dell’associazione Airb -. Quindi chiediamo al governo aiuti, per arrivarci al 2021. Circa 500 mila operatori del settore, e di conseguenza le loro famiglie, rischiano la disoccupazione”.

Le richieste

Tra le richieste, Paulillo ha elencato: “il credito di imposta per gli affitti commerciali e un fondo perduto, visto che soprattutto il comparto della bomboniera ha un fatturato completamente azzerato. Quindi come si fa a sostenere impegni economici tra tasse, affitti, utenze? E’ praticamente impossibile”. E ha concluso: “Senza cerimonia e senza festa, il nostro settore non va avanti. Speriamo nel Governo, che ci faccia arrivare al prossimo anno”.


Tutte le notizie sul coronavirus

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto