Coronavirus, il colosso americano Pizza Hut dichiara fallimento

pizza-hut

La crisi economica scatenata dall’emergenza coronavirus colpisce anche il gigante Pizza Hut che chiude la saracinesca di molti punti vendita

La pandemia da coronavirus non ha risparmiato il colosso americano: duro colpo per la Npc International, la società che ha il maggior numero di punti Pizza Hut negli Stati Uniti con la formula del franchising. Dichiarato il fallimento.

Pizza Hut dichiara fallimento, il colosso americano travolto dal coronavirus

Con Pizza Hut chiuderà anche l’altra catena di ristoranti del gruppo, Wendy’s, diventata tristemente famosa, fuori dai confini americani, per la morte dell’afroamericano Rayshard Brooks, ucciso dalla polizia nel parcheggio di uno dei ristoranti della catena, ad Atlanta, Georgia.

Il lockdown legato alla pandemia da coronavirus ha assestato il colpo finale. Negli ultimi due mesi hanno presentato istanza di fallimento altre catene, che vanno dalla ristorazione al fitness. Pizza Hut è, però, il marchio a cui erano legati milioni di americani. Da ora in poi chi cercherà una vita “non inscatolata”, ordinando un trancio di pizza, dovrà cercare sul cellulare un altro nome.

TAG