CronacaPolitica

Coronavirus, nuove proroghe in arrivo: stasera il premier Giuseppe Conte in diretta

In arrivo nuove proroghe per il coronavirus, questa sera parlerà il premier Giuseppe Conte. Il presidente del Consiglio, come sempre in diretta sulla sua pagina Facebook, parlerà a partire dalle ore 20.20 (ritardi esclusi). Argomento della serata dovrebbero essere le nuove proroghe per l’emergenza coronavirus. Spostamenti, commercio, attività essenziali, passeggiate: riguarderà tutti i divieti già in vigore, comprese le regole previste dalle ordinanze del ministero della Salute sui rientri dall’estero, il decreto che il governo varerà nelle prossime ore.

Coronavirus, nuove proroghe: stasera parlerà Conte su Facebook

La decisione è stata comunicata dal ministro Roberto Speranza in Senato: «Prorogare fino al 13 aprile tutte le misure di limitazione alle attività e agli spostamenti individuali finora adottate». Rimane l’unico dubbio sull’«ora d’aria» da concedere ai bambini perché non è stato deciso se sarà inserita una norma specifica nel provvedimento oppure una raccomandazione da inserire sul sito del governo in una sezione di «domande e risposte». Stasera alle 20.30 il discorso di Conte.
coronavirus-proroghe-stasera-conte-diretta

Allenamenti vietati

Sono sospesi gli allenamenti anche per le società sportive e gli atleti professionisti.

È la novità che compare nel dpcm con cui il governo prorogherà fino al 13 aprile le misure anti contagio da coronavirus. Nella bozza del testo, suscettibile di modifiche, si legge che non solo sono “sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati” ma anche le sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non, all’interno degli impianti sportivi di ogni tipo”.

Il premier Giuseppe Conte dovrebbe firmare il dpcm questa sera. La proroga varrà dal 4 aprile, alla scadenza delle precedenti misure, fino al giorno di Pasquetta. Vengono rinnovate tutte le limitazioni agli spostamenti e la chiusura delle attività non essenziali. Arriva inoltre la nuova stretta per gli allenamenti sportivi.

“Se si esce di casa con un bambino rispettando le norme, per un motivo preciso e previsto dai decreti, si può fare”. Ma “non c’è alcun motivo per portare a spasso un bambino in carrozzina, non va fatto e può essere imprudente”. Così il presidente della Società italiana di Pediatria e membro del Comitato Tecnico Scientifico Alberto Villani ha risposto a chi gli chiedeva quale fosse la corretta interpretazione della circolare del Viminale. “Esiste un Dpcm che dice che non è consentito uscire di casa se non per motivata ragione – ha aggiunto – e tutto resta esattamente come è”

“Nulla è cambiato da ultimo Dpcm, state a casa è il messaggio. Dobbiamo rispettare le normative vigenti, è auspicabile che in futuro qualcosa possa cambiare, quando e come lo stabilirà un prossimo Dpcm. Il picco è argomento di scarsissimo interesse, siamo in una situazione come una guerra, dobbiamo rispettare le indicazioni che ci vengono date. Siamo fortunati a vivere in un Paese in cui la Costituzione tutela la salute, con tutte istituzioni solidissime che dicono cosa va fatto. In tutto il mondo si parla di modello Italia per quello che stiamo facendo”. Lo ha detto Alberto Villani, membro del Comitato tecnico scientifico (Cts), in conferenza stampa alla Protezione civile. “Credo tutti si sentano contenti di stare in Italia e di essere italiani, credo nessuno vorrebbe stare in un altro Paese”, ha aggiunto.

Le limitazioni

  • Sono sospese le attività di servizi di ristorazione: bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attivita’ di confezionamento che di trasporto.
  • Sono sospese le attività inerenti i servizi alla persona: parrucchieri, barbieri, estetisti.
  • Sono chiuse: palestre, piscine, sale bingo, sale giochi.
  • È vietato entrare nei parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici.
  • È vietata la celebrazione dei funerali.
  • Previste limitazioni per i matrimoni.
  • Rimangono chiuse le discoteche, i cinema, i teatri.
  • Vietati gli eventi pubblici.

I negozi aperti

  • Sono aperti i tabaccai e i benzinai.
  • Sono aperti i meccanici, i ferramenta.
  • Sono aperti i punti di ristoro all’interno degli ospedali.

La bozza del documento

CLICCA QUI PER SCARICARE

Articoli correlati

Back to top button