Inchiesta

Coronavirus, i siti e le fonti ufficiali da seguire per tutte le informazioni e le notizie

La diffusione del coronavirus in Italia, tra i Paesi più colpiti dalla pandemia, e le successive misure prese dal governo per fronteggiare l’emergenza hanno fatto sorgere una serie di dubbi e domande per i cittadini, sia per quanto riguarda l’aspetto sanitario sia quello legislativo. Ecco una selezione di fonti ufficiali e affidabili a cui fare riferimento per orientarsi con sicurezza (AGGIORNAMENTI – LE MAPPE SULLA SITUAZIONE IN ITALIA – COME DIFENDERSI DAL CONTAGIO).

Decreti, direttive e circolari: dove trovare tutte le misure legislative

Tutte le misure legislative adottate per affrontare l’emergenza sono raccolte in una pagina del sito della Protezione civile, che le raggruppa in base a chi le ha emesse. Basta cliccare sulle voci dell’istituzione o dell’ente per vedere elencate le misure applicate ai diversi ambiti.

Dove trovare i testi integrali dei provvedimenti del governo

Una sezione apposita del sito del governo è dedicata a raggruppare tutte le misure adottate a partire da fine gennaio – quando sono stati individuati i primi due casi in Italia – per finire con i decreti del presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm), approvati nel mese di marzo, che contengono tutti i provvedimenti restrittivi e di contenimento su tutto il territorio nazionale. Sul sito è spiegato anche quali sono le misure attualmente vigenti e quali invece hanno cessato la loro efficacia perché superate.

Dove trovare domande e risposte sui decreti del governo

Per rispondere ai dubbi sorti in merito alle misure approvate in successione dal governo, sempre sul sito di Palazzo Chigi è stata pubblicata una pagina con le domande più comuni. Si possono trovare qui, quindi, risposte a dubbi come quelli sugli spostamenti (quali sono consentiti e quali vietati), sul lavoro, su quali negozi e uffici pubblici restano aperti, sulla scuola e così via (COSA SI PUÒ FARE E COSA NO).

Dove trovare l’autodichiarazione per gli spostamenti

Sul sito del ministero dell’Interno è possibile trovare il modello di autodichiarazione, da presentare ai controlli effettuati dalle forze dell’ordine in caso di spostamenti. Il sito del Viminale pubblica inoltre aggiornamenti sui controlli effettuati ogni giorno su persone ed esercizi commerciali e sul numero delle denunce registrate.

Dove trovare i dati ufficiali sulla situazione del contagio in Italia

Per seguire la diffusione del contagio in Italia, la Protezione Civile ha preparato una mappa interattiva che copre tutto il territorio nazionale ma anche le singole province e regioni. Tra i dati disponibili anche il numero delle persone ricoverate in terapia intensiva, quelle ospedalizzate, le persone in isolamento domiciliare, quelle decedute, i guariti e quanti tamponi sono stati eseguiti. È possibile inoltre consultare il dato dei nuovi positivi confrontato rispetto ai giorni precedenti.

Dove trovare dati e analisi sull’Europa e sul mondo

Per seguire l’andamento dei contagi in Europa e negli altri Paesi, si può seguire la mappa della Johns Hopkins University, tra le prime a essere state messe a punto, che copre tutto il mondo. Per una panoramica più completa, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (l’Ecdc) ha una pagina dedicata con diversi report che vengono aggiornati quotidianamente con i nuovi casi confermati e i deceduti e altre mappe interattive. Anche l’Organizzazione mondiale della sanità ha messo a disposizione una speciale sezione nel proprio sito per seguire Paese per Paese l’andamento della pandemia.

Dove trovare consigli, risposte a dubbi e documenti utili

Per schiarirsi le idee sugli aspetti sanitari, vengono in soccorso sia il ministero della Salute, con una Faq, che l’Istituto superiore di sanità, con una sezione ad hoc del proprio sito. Sul proprio sito Epicentro, l’Iss ha dedicato al coronavirus un’intera sezione dove sono a disposizione, oltre a consigli utili, anche i primi studi realizzati sul contagio in Italia, sui morti e il tasso di letalità. L’Oms, inoltre, ha approntato una sezione del proprio sito per sfatare miti e false credenze che si sono diffusi sul nuovo coronavirus.

Articoli correlati

Back to top button