Cronaca

Costa Rica sotto attacco hacker: dichiarato lo stato d’emergenza

Lo Stato sotto ricatto non pagato da 10 milioni

Il Costa Rica è da qualche settimana sotto attacco hacker e nel paese è stato di emergenza: a dichiararlo il presidente Rodrigo Chaves dopo che molti siti governativi sono stato violati. L’attacco avrebbe una paternità e sarebbe opera del gruppo ransomware Conti. E fra gli enti governativi attaccati spiccano alcuni spot molto importanti, di cui l’esecutivo ha pubblicato un elenco parziale: Ministero delle Finanze, Ministerio de Hacienda.

Costa Rica sotto attacco hacker

Il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Poi Fondo per lo sviluppo sociale e gli assegni familiari, sede interuniversitaria di Alajuela, SIUA. E non è finita, sotto attacco anche il Consiglio di Amministrazione del Servizio Elettrico della provincia di Cartago, il Ministero della Scienza, dell’Innovazione, della Tecnologia e delle Telecomunicazioni, l’Istituto meteorologico nazionale, Costarricense radiografica e il Fondo di previdenza sociale costaricano.

Come quasi sempre accade in questi casi il gruppo ha chiesto un riscatto: vogliono 10 milioni che però il governo ha deciso di non pagare.

Dati della sicurezza nazionale già diffusi

Ecco perché da una ventina di giorni il paese è nel caos e molti cittadini stanno avendo problemi seri: non c’è accesso ai servizi fiscali ed a molti servizi digitali e le informazioni personali sono tutte a rischio. E gli hacker hanno già dato prova della loro determinazione, come? Diffondendo la maggior parte del dump, con 672 GB che contengono dati appartenenti alle agenzie governative costaricane.

Articoli correlati

Back to top button