Cronaca

Angela da Mondello positiva al Covid per la seconda volta: “Sono in ospedale”

Angela da Mondello in ospedale: è di nuovo positiva al Covid. "Per fortuna si può guarire" ha scritto la donna

Angela da Mondello, soprannome di Angela Chianello, è di nuovo positiva al Covid. La donna diventata celebre per la famosa frase “Non ce n’è Coviddi” pronunciata in una intervista sulla spiaggia da Mondello ha contratto il Coronavirus per la seconda volta nel giro di poco tempo. L’anno scorso fu contagiata dal padre, ma in quell’occasione se la cavò con una forma non particolarmente aggressiva.

Covid, Angela da Mondello positiva e in ospedale

Angela da Mondello ha fatto sapere ai suoi follower di essere addirittura finita in ospedale. Ha anche risposto con vigoria ma con voce spezzata agli hater che l’hanno attaccata dopo l’annuncio del nuovo contagio di quel “Coviddi” che la donna aveva minimizzato.


non-ce-ne-coviddi-angela-mondello-positivo-padre


“Sono ricoverata positiva al Covid” ha detto la donna rivolgendosi ai suoi follower sui social. Poche ore dopo, un altro messaggio: “Grazie a tutti per il pensiero. Volevo dire soltanto due paroline anche perché di più non ne ho la forza. Ho letto tante cose brutte, addirittura che il karma esiste. È vero alla fine ho il Covid, ma per fortuna si può guarire, ma non dalle malattie che avete voi noi. Tornerò più forte di prima” ha scritto la donna.

Il secondo contagio

Per Angela da Mondello si tratta della seconda positività al Coronavirus nell’arco di sei mesi. La prima volta, scoprì di essere positiva al Covid dopo il contagio del madre. In quell’occasione scrisse sui social: “Anche da noi è arrivato questo maledetto, nonostante tutto, vi esce sempre cattiveria dalla bocca. Ad alcuni il Covid ha peggiorato la cattiveria” scriveva la donna, finita al centro di un polverone di polemiche per aver pronunciato la celebre frase “Non ce n’è Coviddi”, quasi “scherzando” sulla pandemia durante la prima estate segnata dal Covid.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button