Cronaca

Covid, Bassetti: “non vaccinarsi è come guidare da ubriachi e senza cinture”

Uno studio dell'agenzia ligure Alisa ha determinato che non vaccinarsi è come guidare ubriachi senza cinture" afferma il direttore della Clinica di Malattie infettive del San Martino di Genova

Matteo Bassetti fa l’ennesima stoccata ai no vax: non vaccinarci contro il Covid-19 è come guidare ubriachi senza cinture di sicurezza. Così il direttore della Clinica di Malattie infettive del San Martino di Genova all’Adnkronos Salute ribadendo l’importanza della vaccinazione.

Covid, Bassetti ribadisce l’importanza della vaccinazione

Uno studio dell’agenzia ligure Alisa ha determinato che non vaccinarsi è come guidare ubriachi senza cinture – ha detto Bassetti -. Questo vuole dire che il vaccino ci protegge contro la malattia grave e il rischio di decesso ma meno contro l’infezione. Lo studio di Alisa ha messo in confronto il rischio relativo tra vaccinati e non vaccinati confrontandolo con quello di chi guida ubriaco senza cinture“.

Bassetti “Omicron 2 non deve creare allarme”

Lo stesso Bassetti ha parlato anche dell’attuale situazione epidemiologica con l’arrivo della cosiddetta Omicron 2. Il professore ligure appare ottimista per le prossime settimane. “Possiamo dire che è iniziata la discesa della curva epidemiologica. E nelle prossime settimane potrebbe essere anche veloce come accaduto in altri paesi“, ha detto sottolineando che il fatto che Omicron 2 sia stata rilevata in Italia non è un problema e non deve creare allarme.

Perché non è un problema? “Perché è una ‘sorella’ della variante Omicron che abbiamo visto essere molto contagiosa ma non sta creando stress negli ospedali. Le varianti ci saranno perché lo dice la storia dei virus dobbiamo essere attenti e sequenziare“, ha concluso.


Articoli correlati

Back to top button