Politica

Covid, governo al lavoro per l’estensione del Green pass: in settimana nuovo Consiglio dei Ministri

Il Cdm, probabilmente mercoledì, dovrebbe approvare il decreto con cui si istituisce l'obbligo del certificato verde anche per dipendenti pubblici, personale dei ristoranti, trasporti e spettacolo

Estendere l’obbligo di Green pass anche gli utenti che accedano ai servizi pubblici, come l’anagrafe. E’ una ipotesi sul tavolo del governo, in vista dell’allargamento del certificato verde, atteso già questa settimana. L’obbligo dovrebbe ora riguardare tutti i dipendenti pubblici e, tra i privati, essere esteso agli esercenti di quelle attività che richiedono il Pass per l’accesso, dai ristoranti alle palestre.

La stessa proprietà transitiva, che dovrebbe portare a chiedere a camerieri e baristi il certificato che i loro clienti devono esibire, potrebbe condurre all’introduzione dell’obbligo anche per gli utenti che accedono agli uffici pubblici. Ma la misura sarebbe ancora allo studio, con tutte le sue implicazioni. E la grossa incognita del trasporto locale.

Obbligo del green pass: governo valuta estensione

Il governo sta lavorando per mettere a punto la cornice di regole sul Green pass che riguarderà anche la definizione di azienda pubblica o privata, e come considerare, ai fini delle scelte sul pass, le imprese giuridicamente private ma che lavorano per il pubblico. Una cornice che entro mercoledì dovrebbe essere pronta in vista del Cdm.

Le ipotesi sull’obbligo vaccinale

Si apre dunque un mese fondamentale per le decisioni del governo sui vaccini. Da qui alla metà di ottobre, sulla base dei dati e dell’evoluzione dei contagi, si valuterà se introdurre l’obbligo di vaccinazione. E se farlo in maniera generalizzata, opzione che ad oggi sarebbe prevalente, o ampliare ad altre categorie sensibili l’obbligo che già vale per medici, infermieri e personale interno ed esterno delle Rsa.

La road map dell’estensione del Green pass

Prima si proseguirà con l’estensione del certificato verde: questa settimana dovrebbe essere la volta dei lavoratori della Pa e di alcune categorie del privato, anche se resta sul tavolo l’opzione. più problematica sul piano giuridico. di applicare il pass da subito anche a tutti i lavoratori del privato. Il premier Mario Draghi ha dato mandato agli uffici guidati dal sottosegretario Roberto Garofoli di studiare ogni aspetto della materia, raccogliendo anche le osservazioni di sindacati e imprese, perché non si può sbagliare. Poi la valutazione finale si farà al tavolo politico, con la convocazione (potrebbe arrivare tra mercoledì e giovedì) di una cabina di regia del governo.

Articoli correlati

Back to top button