Cronaca

Covid Italia, Cts e Governo verso il via libera al tampone rapido nelle scuole

Nell’incontro di oggi tra il Comitato tecnico scientifico e il ministro della Salute, Roberto Speranza, nella sede della Protezione civile di via Vitorchiano si parlerà anche del problema del caos che si è creato nelle scuole a causa delle migliaia di richieste di tamponi perché c’è un positivo in classe o semplicemente perché un alunno resta assente cinque giorni con la febbre.

Covid, tampone rapido nelle scuole: via libera dal Cts

Sul tavolo c’è il via libera alla validità diagnostica dei dei tamponi rapidi antigenici, già adottati da alcune regioni, che consentiranno si velocizzare le procedure, perché restituiscono il responso in 20-30 minuti e non c’è la necessità di inviare il prelievo ai laboratori.

Le scelte

Oggi si stanno preferendo quelli con il prelievo al naso, utilizzati ad esempio anche negli aeroporti, ma nelle prossime ore ci sarà la validazione anche di quelli, ancora più semplici, che analizzano la saliva. Al Ministero della Pubblica Istruzione credono in questa soluzione, perché da quando c’è stata la riapertura delle scuole, molti bambini e le loro famiglie sono prigionieri in casa in attesa del test e il sistema dei tamponi sta andando in sofferenza per le troppe richieste.

L’altra strada che si vuole praticare, già battuta dalla Regione Lazio, è quella del coinvolgimento dei medici di base e dei pediatri di libera scelta: l’obiettivo è consentire di effettuare i tamponi rapidi negli studi medici.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button