Scienza e Tecnologia

Covid, a Natale l’Italia si è fermata: i dati di Apple lo confermano. Male Germania e Stati Uniti

Per fare i conti veri e propri bisognerà attendere 10-15 giorni ma per ora i dati raccolti da Apple sono incoraggianti

Gli italiani a Natale sono rimasti a casa molto più di alcuni Paesi Europei e del mondo. A confermarlo sono i dati sul posizionamento geografico degli smartphone raccolti da Apple che evidenziano i cellulari dei cittadini italiani non si sono mossi nei giorni clou delle feste.

Per fare i conti veri e propri bisognerà attendere 10-15 giorni, quando i loro eventuali effetti saranno chiari dall’aumento dei contagi da Covid-19 nel Paese, ma per ora questi dati sono molto incoraggianti.

Covid: i dati di Apple sugli spostamenti durante le feste

Da mesi ormai la casa di Cupertino utilizza i dati anonimi recuperati dai suoi iPhone per effettuare una stima sugli spostamenti delle popolazioni colpite dalla pandemia, e nel giorno di Santo Stefano il sistema ha fatto registrare una diminuzione media degli spostamenti del 76%, seconda solo a quella del giorno di Natale che supera l’80%.

La curva è crollata proprio in corrispondenza dell’applicazione delle norme che hanno messo l’intero Paese in zona rossa, e subito dopo un picco fatto registrare nei giorni immediatamente precedenti — ovvero quelli durante i quali quasi tutto il Paese era tornato in zona gialla.


spostamenti-natale-apple


In Europa e Stati Uniti ci si è spostati di più

L’andamento evidenziato nei dati raccolti da Apple assume un significato ulteriore se messo a rapporto con i dati relativi ad altri Paesi che come il nostro stanno combattendo la pandemia e temevano assembramenti natalizi.

In Germania la diminuzione negli spostamenti fatta registrare il 26 dicembre era del 43% rispetto alla normalità pre Covid, mentre nel Regno Unito del 58%, e in tutta Europa il discorso è il medesimo; negli Stati Uniti appena gli spostamenti sono diminuiti appena del 3%.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button