Cronaca

Covid, bocciata alla maturità: il Tar ordina di rifare l’esame

Traccia in ritardo per il Covid, ragazza deve ripetere esame di maturità. Aveva fatto ricorso dopo essere stata bocciata

Un esame di maturità da ripetere per l’emergenza Covid. La vicenda arriva da Bologna dove a settembre una studentessa si è ritrovata bocciata dai commissari d’esame del Galvani. La giovane si è appellata al Tar dell’Emilia-Romagna per chiedere l’annullamento dell’esito. Ora i giudici del Tribunale amministrativo hanno disposto la nomina di nuovi commissari d’esame per farle ripetere l’esame di Stato.

Covid, ragazza di Bologna dovrà ripetere l’esame di maturità

La studentessa ha fatto ricorso perché le era stata spedito in ritardo (ed incompleta) la traccia scritta per realizzare l’elaborato su cui si sarebbe basato l’esame orale finale.

Le regole per l’esame di maturità dei candidati esterni durante l’emergenza Covid prevede appunto che dopo la prova scritta il candidato prepari un testo seguendo una traccia che doveva arrivare a casa tra il 21 e il 24 agosto scorso (e da rispedire ai docenti entro cinque giorni).

Il ritardo nella consegna della traccia

La studentessa però ha ricevuto la traccia d’esame il 25 agosto accorgendosene solo il 3 settembre  parlando con altri privatisti che invece avevano avuto tutto il materiale.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button