Lavoro

Lavoro, il rapporto Ocse: “Nel 2050 in Italia ci saranno più pensionati che lavoratori”

Crisi del lavoro in Italia. Entro il 2050, secondo uno studio dell’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) nel nostro Paese ci saranno più pensionati che lavoratori. Il rischio è di un rapporto uno a uno o addirittura di più over 50 fuori dal mondo del lavoro che lavoratori.

Crisi del lavoro in Italia, il rapporto Ocse

L’Ocse, a fronte del rapido invecchiamento della popolazione italiana, ha invitato i governi ad attuare “maggiori e migliori opportunità di lavoro in età avanzata per proteggere gli standard di vita e la sostenibilità delle finanze pubbliche”. Secondo l’Ocse l’aumento medio potrebbe ridursi del 9% ritardando l’età media in cui i lavoratori più anziani lasciano la forza lavoro e riducendo il divario di genere nella partecipazione della forza lavoro in età più giovane.

Le parole di Stefano Scarpetta

Il direttore dell’Ocse, Stefano Scarpetta, ha spiegato: “Il fatto che le persone vivano più a lungo e in una salute migliore è un risultato da celebrare. Ma un rapido invecchiamento della popolazione richiederà un’azione politica concertata per promuovere l’invecchiamento attivo in modo da compensare le sue conseguenze potenzialmente gravi per gli standard di vita e le finanze pubbliche”.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per Fantacalcio e Calciomercato.it, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio