Cronaca

Dazn rischia la risoluzione del contratto con la Lega di Serie A

Lo scrive l'edizione odierna del quotidiano Repubblica

Dazn rischia la risoluzione del contratto con la Lega di Serie A. “Abbiamo fatto un richiamo molto severo agli obblighi contrattuali, noi siamo parte danneggiata” ha spiegto l’ad della Lega Serie A, Luigi De Siervo, sui recenti disservizi di Dazn.

Disservizi Dazn, rischio risoluzione del contratto con la Lega di Serie A

“Dazn è stata richiamata ai propri doveri, ci sono stati in un anno e mezzo tre problemi diversi per matrici differenti” ha ribadito De Siervo. Ieri, martedì 10 gennaio, si è tenuto l’incontro con i vertici aziendali e i ministri Abodi e Urso: “C’è stato un grave disservizio, ma ci è stato assicurato che il problema non si ripeterà più“, ha spiegato De Siervo.

Il pericolo

Nel corso della riunione tenutasi al Ministero delle Imprese e Made in Italy, rappresentanti della Lega di Serie A avrebbe “minacciato” i vertici di Dazn di voler risolvere il contratto per i diritti di trasmissione delle partite di Serie A come riportato da Repubblica.

In particolar modo, la discussione è sorta in seguito ai disservizi che hanno impedito agli utenti la visione di diversi minuti di Inter-Napoli e Udinese-Empoli dello scorso 4 gennaio. Dopo gli ennesimi problemi, la Lega ha inviato una dura lettera a DAZN ricordando gli obblighi assunti alla firma del contratto.

Indennizzi in arrivo

Incontro utile e fruttuoso. Dazn ha confermato ulteriori impegni per migliorare il servizio e sposterà in Italia una centrale organizzativa del network per una risposta sempre più immediata a qualsiasi tipo di problema“. Lo ha detto Lorenzo Casini, presidente della Serie A, uscendo dall’incontro al MIMIT sui disservizi dell’ott. “Saranno indennizzati gli utenti del malfunzionamento come prevede la delibera Agcom – prosegue – La Lega è parte lesa di questa vicenda, per questo siamo grati al Governo del sostegno e del pronto intervento. Abbiamo chiesto la massima risposta e abbiamo ricevuto importanti rassicurazioni”. 

Articoli correlati

Back to top button