Fioccano le denunce per chi trasgredisce i divieti: ecco le scuse più assurde e spudorate

denunce-chi-viola-divieti-scuse-assurde

Nonostante i divieti, le denunce contro chi viola i divieti fioccano senza sosta. Ma alcuni ci provano, inventando le scuse più assurde: eccone alcune

Nonostante i divieti, le denunce contro chi viola i divieti fioccano senza sosta. Ma alcuni ci provano sempre, inventando le scuse più assurde, nel tentativo di eludere i controlli delle forze dell’ordine. Alcune di queste scuse sono davvero al limite dell’inverosimile, ma pur di uscire le persone sono davvero disposte a tutto.

Coronavirus, le scuse più assurde di chi viola i divieti

Non hai un cane? Hai fatto la spesa ma vuoi rimanere ancora in giro? Il balcone è troppo stretto e ti serve più spazio per fumare? Ecco cosa hanno detto alcuni concittadini furbi per giusitifcare la loro presenza fuori di casa.

Amore in ambulanza

Uno dei più audaci è stato un volontario del 118 residente a Milano che, con l’ambulanza, ha cercato di raggiungere la compagna a Cucciago, in provincia di Como. La coppia, naturalmente, è stata denunciata.

I maniaci del fitness

Non si sono fermati neanche i fanatici del fitness. In una palestra di Fano sono state trovate 6 persone, intente ad allenarsi, tra di loro anche il titolare della palestra. La Polizia ha fatto irruzione nella struttura dopo una segnalazione, e tutti i presenti, che hanno tentato di fuggire, sono stati rintracciati e identificati. Il titolare rischia di vedersi sospendere la licenza.

Sballo a tutti i costi

A Crevacuore, in provincia di Biella, tre ragazzi sono stati denunciati mentre fumavano uno spinello in auto: oltre alla denuncia per non aver rispettato i divieti, sono stati segnalati come assuntori alla Prefettura.

Finti cani

A Cassina Rizzardi, in provincia di Como, il sindaco Piergiorgio Bonino ha parlato di finti cani e finti gatti portati a passeggio, ma anche di cani veri che sono costretti a marce lunghe ed estenuanti, anche più volte al giorno, puù di “far uscire” i loro padroni.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

TAG