Cronaca

Donna morta in gravidanza, il marito scrive una lettera ai medici

L'uomo ha ricevuto una telefonata da Papa Francesco

Ha toccato il cuore di tutti la lettera di Giacomo, marito di Viviana Delego, donna morta al settimo mese di gravidanza. L’uomo ha scritto una lettera rivolta a tutti i medici e gli operatori sanitari che si sono mobilitati per cercare di salvare sua moglie nel reparto di Terapia intensiva. L’Asl di Brindisi ha voluto rendere pubblica la missiva.

Donna morta in gravidanza, la toccante lettera del marito per i medici

Nella lettera, Giacomo parla di “angeli custodi in cane e ossa” che ringrazia per “l’impegno, la professionalità e l’umanità”. “Viviana era una donna, una moglie, una mamma fuori dal comune. Mi spiace che non abbiate avuto la possibilità di conoscerla. Amava la vita ma soprattutto amava la famiglia tanto da sacrificare la sua vita per darla a due fantastiche creature: Edoardo Maria ed Emilia Maria”.

“È vero, il normale schema della vita non dovrebbe essere questo. Non è giusto che due splendidi gemelli non avranno mai la possibilità di conoscere la loro mamma né che una bimba di sei anni (Emma Maria) non possa più abbracciare la sua stella. Ma dietro tutto questo dolore, dietro tutta questa ingiustizia c’è comunque un aspetto positivo. Aver conosciuto tutti voi, di cui non ricordo i nomi, ma che per cinque lunghi e speranzosi giorni siete stati gli angeli custodi di mia moglie, della mamma dei miei figli. Aver visto le lacrime nei vostri occhi mi ha fatto capire tutta la vostra umanità e quanto abbiate sudato, studiato per cercare di dare una speranza a Viviana. Ma purtroppo così come mi avete insegnato, in medicina due più due non fa mai quattro. Sento comunque il dovere di ringraziarvi da parte mia, di mia figlia (che spero possa fare il vostro lavoro) e di tutta la mia famiglia per l’impegno, la professionalità e l’umanità che vi rendono dei veri e propri angeli custodi in carne e ossa. Con affetto, Giacomo”.

Il dramma di Viviana Delego e la telefonata di Papa Francesco

Viviana Delego è morta pochi giorni dopo aver partorito a Brindisi. La donna, insegnante di Pezze di Greco, frazione di Fasano, era molto conosciuta. Ieri, domenica 25 dicembre, il marito, Giacomo, ha ricevuto una telefonata davvero speciale. A chiamarlo è stato Papa Francesco come rivelato via social da don Donato Liuzzi, parroco di Pezze di Greco:

“Mi è difficile rompere il silenzio , ma lo faccio per dare eco alla intima gioia gustata in questo giorno del Natale del Signore insieme con il nostro carissimo Giacomo Cofano, provato dalla morte della moglie nell’atto di dare la vita a due gemellini”. Il Papa “con umiltà disarmante” ha inviato una lettera di vicinanza al parroco e nel tardo pomeriggio ha telefonato a Giacomo. “È un Natale che non dimenticheremo mai”.

La donna, in stato di gravidanza gemellare pretermine era arrivata in ospedale con il 118 nella mattina di sabato 17 dicembre, già in condizioni critiche. Il quadro era di eclampsia, distacco di placenta e rottura delle membrane. La paziente è stata operata d’urgenza: in corso di taglio cesareo presentava coagulazione intravascolare disseminata (Cid) e atonia uterina. Sono state messe in atto tutte le procedure mediche, chirurgiche e di terapia intensiva previste nel trattamento di questi gravissimi casi.

Articoli correlati

Back to top button