Tv e Spettacoli

Dove vedere la fiction Cuori in streaming?

La fiction italiana di Rai 1 è disponibile su ben due piattaforme di streaming

La fiction italiana di Rai 1 è disponibile su ben due piattaforme, dunque dove vedere Cuori in streaming? Nello specifico si tratta di un medical drama di Rai 1 ambientato all’ospedale delle Molinette di Torino verso la fine degli anni Sessanta.

Dove vedere la fiction Cuori in streaming?

Cuori, la fiction andata in onda su Rai 1 nel corso dell’autunno del 2021, è confermata per una seconda stagione. Nel frattempo la serie tv italiana approda su Netflix in streaming. Il titolo è disponibile da mercoledì 28 settembre 2022 con tutti gli episodi della prima stagione. Per guardare Cuori su Netflix è necessario sottoscrivere un abbonamento al servizio.

Adesso che Cuori è su Netflix non è più disponibile su RaiPlay? Non possiamo garantire che la situazione cambi da qui breve tempo. Per ora gli episodi della fiction sono visibili sia sul colosso dello streaming a pagamento sia sulla piattaforma targata Rai.

La trama della fiction italiana

La fiction italiana è ambientata nella Torino del 1967. Il grande sogno di Cesare Corvara (Pecci), Primario delle Molinette e in più fondatore del primo reparto di cardiochirurgia italiano, è poter effettuare il primo trapianto di cuore al mondo. In questa ardua sfida, al suo fianco c’è l’assistente Alberto Ferraris (Martari), un giovane e brillante medico che, dopo la dolorosa perdita del padre, è determinato a sfidare i limiti della scienza.

Nella squadra del medico c’è anche il capo chirurgo Enrico Mosca (Andrea Gherpelli), un uomo egocentrico e terribilmente ambizioso che in segreto coltiva il sogno di spodestare Corvara dal ruolo di primario. A dissestare il già delicato equilibro all’interno del reparto ci pensa Delia Brunello (Pilar Fogliati), una bella e brillante cardiologa in arrivo da New York (per volere di Corvara), la quale, nonostante la sua straordinaria capacità diagnostica, da sempre è costretta a lottare contro la mentalità dell’egemonia maschilista ancora predominante nel suo ambiente di lavoro.

Articoli correlati

Back to top button