PoliticaSpeciale elezioni

Domani si vota in quasi 1000 comuni: al Sud c’è anche la lista ‘Povero Gabbiano’

Elezioni Comunali 2022, a Vietri di Potenza la lista Povero Gabbiano: il caso in vista delle prossime elezioni

Si avvicinano le elezioni comunali 2022 e spunta la lista Povero Gabbiano. Succede a Vietri di Potenza, piccolo Comune della Basilicata che il prossimo 12 giugno sarà chiamato alla scelta della nuova amministrazione locale.

Elezioni Comunali 2022, a Vietri di Potenza la lista Povero Gabbiano

La lista satellite al sindaco uscente Christian Giordano, richiama il vecchio brano di Gianni Celeste che fino a qualche settimana fa impazzava sui social. Il simbolo scelto è quello di un gabbiano stilizzato. Curiosità per vedere quanti voti racimolerà nel piccolo comune lucano.

Povero Gabbiano: testo e significato di Tu comm’a me

È diventata virale in pochi giorni Povero Gabbiano: così è stata ribattezzata Tu comm’a me, brano del noto cantante neomelodico Gianni Celeste, che ora si ritrova ai vertici delle classifiche grazie ai social. Il verso è presente in quasi ogni video di Tik Tok e Instagram è “Povero gabbiano, hai perduto la compagna”: poche parole diventate virali e utilizzate dagli utenti per rimarcare un senso di abbandono ma in chiave ironica. In questo articolo scopriamo testo, meme, anno di uscita e accordi di questo brano virale sul web.

Di seguito il testo completo di Povero Gabbiano (Tu comm’a me) di Gianni Celeste:

Sopra una scogliera

Non hai voglia di volare

Guard attuorn o mare

E nun sai chill che a fa

Povero gabbiano

Hai perduto la compagna

Nun te và cchiu a vit

Te capisc ij pecchè

La tua storia è la mia

Lei che se n′è andata via

Tu finisci di volare

Io che smetto di sognare

Stavo bene insieme a lei

E non so cosa farei

Pe l’è dicere te preg

Dai rituorn nziem a me

Amo te che non ci sei

Piango e forse non lo sai

Piange un uomo ed un gabbiano

Pecchè sta tanto lontano

La tua storia è la mia

Lei che se n′è andata via

Tu finisci di volare

Io che smetto di sognare

E se fa ggià sera

E il tramonto è sopra il mare

Ma sulla scogliera

Il gabbiano resta lla

Comm me fa pen

Sul sul e abbandunat

Cerca la compagna

Che mai più ritroverà

La tua storia è la mia

Lei che se n’è andata via

Tu finisci di volare

Io che smetto di sognare

Stavo bene insieme a lei

E non so cosa farei

Pe l’è dicere te preg

Dai rituorn nziem a me

Amo te che non ci sei

Piango e forse non lo sai

Piange un uomo ed un gabbiano

Pecchè sta tanto lontano

La tua storia è la mia

Lei che se n′è andata via

Tu finisci di volare

Io che smetto di sognare

 

Ma di cosa parla Povero Gabbiano e qual è il significato di questa canzone? La canzone, uscita in Italia nel 1988, racconta la fine di un’importante storia d’amore, in cui il cantante si paragona a un gabbiano solitario che si aggira sulla spiaggia, abbandonato dalla compagna. Risalire alla prima persona che ha utilizzato l’audio sui social, e che ha quindi dato il via al fenomeno, è piuttosto complicato.

Povero Gabbiano, perché è diventata così famosa

Da qualche giorno, la canzone di Gianni Celeste è diventata virale sui social. Ma perché? Merito degli stessi social, dove il cuore del brano viene utilizzato per meme e video ironici. Un successo non di poco conto per il cantante neomelodico per un brano pubblicato oltre trent’anni fa.

Povero Gabbiano, i meme e i video Tik Tok più belli

Il tormentone ha letteralmente scatenato il mondo dei social. Tantissimi i meme realizzati e diventati virali sui vari social network. Stesso discorso per i video realizzati e pubblicati su Tik Tok.


povero-gabbiano-testo-meme-anno-tiktok-accordi-duracell-anno-uscita


povero-gabbiano-testo-meme-anno-tiktok-accordi-duracell-anno-uscita


povero-gabbiano-testo-meme-anno-tiktok-accordi-duracell-anno-uscita

 


povero-gabbiano-testo-meme-anno-tiktok-accordi-duracell-anno-uscita


Povero Gabbiano, la versione di Duracell e Franco Gioia

Tra i primi ci sono, però, sicuramente Duracell Plus 153, conosciuto online come “il siciliano che fischia”, e Franco Gioia. I due sono noti nel quartiere Zen di Palermo perché sui social si comportano da influencer, cantano i grandi successi internazionali in inglese e spagnolo, storpiando ogni parola. Il video di “Tu comm’a mme” è stato rilanciato dalla pagina Facebook “Mimmo Modem” e da quel momento la rete ha fatto il resto.

Povero Gabbiano, anno di uscita

Povero Gabbiano, o meglio Tu comm’a mme’, non è una canzone recente, anzi. L’anno di uscita è il 1988, dunque oltre trent’anni fa. Incredulo del successo che sta ottenendo lo stesso Gianni Celeste, che probabilmente non si aspettava che una canzone di 34 anni fa potesse diventare ora un tormentone. Attraverso i suoi canali social ha più volte ringraziato il suo nuovo pubblico. “Buongiorno amici – ha scritto in un post -, nella classifica delle 50 canzoni più ascoltate in Italia, al secondo posto ‘Tu comm’a mme’. In tanti la conoscete come ‘Povero Gabbiano'”.

Come suonare Tu comm’a me: gli accordi

Di seguito gli accordi per imparare a suonare Tu comm’a me di Gianni Celeste:

Cm  Fm  Cm  G
Cm  F  Cm  G

Cm
Sopra una scogliera
                   Fm
non hai voglia di volare
G
guard attuorn o mare
                    Cm   Gm  G
e nun sai chill che a fa
Cm
povero gabbiano
                 Fm
hai perduto la compagna
G
nun te và cchiu a vit
            Cm     Fm  Cm
te capisc ij pecchè

                   Fm
La tua storia è la mia
         G7           Cm
lei che se n'è andata via
    Ab         Fm
tu finisci di volare
         G         Cm
io che smetto di sognare
                     Fm
stavo bene insieme a lei
                Cm
e non so cosa farei
Ab                Fm
pe l'è dicere te preg
       G           Cm
dai rituorn nziem a me
    Fm
amo te che non ci sei
Cm
piango e forse non lo sai
Fm
piange un uomo ed un gabbiano
                  Gm    G7  
pecchè sta tanto lontano
Cm                 Fm
la tua storia è la mia
        G             Cm
lei che se n'è andata via
      Ab        Fm
tu finisci di volare
         G        Cm
io che smetto di sognare

Fm  Ebm  Cm  G7
Cm  Fm  Cm  G

Cm
E se fa ggià sera
                         Fm
e il tramonto è sopra il mare
G
ma sulla scogliera
                   G
il gabbiano resta lla
Cm
comm me fa pen
             Fm
sul sul e abbandunat
G
cerca la compagna
              Cm     Fm  Cm
che mai più ritroverà

                   Fm
La tua storia è la mia
         G7           Cm
lei che se n'è andata via
    Ab         Fm
tu finisci di volare
         G         Cm
io che smetto di sognare
                     Fm
stavo bene insieme a lei
                Cm
e non so cosa farei
Ab                Fm
pe l'è dicere te preg
       G           Cm
dai rituorn nziem a me

                     Fm
stavo bene insieme a lei
                Cm
e non so cosa farei
Ab                Fm
pe l'è dicere te preg
       G           Cm
dai rituorn nziem a me
    Fm
amo te che non ci sei
Cm
piango e forse non lo sai
Fm
piange un uomo ed un gabbiano
                  Gm    G7  
pecchè sta tanto lontano
Cm                 Fm
la tua storia è la mia
        G             Cm
lei che se n'è andata via
      Ab        Fm
tu finisci di volare
         G        Cm
io che smetto di sognare

Fm  Gbm  Cm  G
Cm  Fm  Cm
Legenda:
C=Do – D=Re – E=Mi – F=Fa – G=Sol – A=La – B=Si

Articoli correlati

Back to top button