Cronaca

Elia Fiorio muore a 24 anni in hotel a Maiorca, era rimasto a letto per un mal di testa

Le autorità spagnole credono che il giovane sia deceduto per cause naturali

Elia Fiorio muore ad appena 24 anni, mentre era in vacanza con gli amici a Maiorca. Aveva detto agli amici di avere un forte mal di testa e per questo aveva deciso di non lasciare la stanza d’albergo. Quando gli amici sono rientrati hanno trovato l’amico senza vita.

Elia Fiorio muore in vacanza a Maiorca

Non aveva voluto andare in spiaggia a causa del forte mal di testa. “Mi riposo un po’, poi vi raggiungo” avrebbe detto Elia Fiorio agli amici prima di salutarli per l’ultima volta sull’uscio del resort scelto per le vacanze sull’isola di Maiorca. Il 24enne è purtroppo deceduto nella sua stanza d’albergo nel tardo pomeriggio di martedì scorso.

Il ritrovamento

Gli amici lo hanno trovato esanime sul materasso e hanno chiamato i soccorsi. I medici spagnoli sono accorsi immediatamente sul posto, ma non sono riusciti a salvare la vita al 24enne. Secondo le autorità iberiche, si tratterebbe di una morte naturale, ma la famiglia ha chiesto ulteriori accertamenti.

Chi è Elia Fiorio

Elia Fiorio lavorava in un supermercato di Sarcedo (Vincenza) e nel tempo libero portava avanti la sua attività di volontariato e quella di membro impegnato della società sportiva “6 Cesti Baskin”. Stando a quanto accertato finora, il 24enne sarebbe partito in perfette condizioni di salute.

I genitori di Elia straziati dal dolore

Mamma Stefania, papà Angelo e la sorella Marta sono volati subito sull’isola per interfacciarsi con le forze dell’ordine del posto e ottenere tutte le risposte sulle dinamiche.

Chi lo conosceva descrive Elia come una persona solare, disponibile e amante dello sport. “Era un ottimo sostegno, un motivatore e sempre positivo” hanno scritto alcuni amici sui social network. “Tutti noi vogliamo sapere cos’è successo, perché stava bene ed era giovane. Non si può morire così a 24 anni. Deve esserci una spiegazione che possa dare un senso a tutto questo dolore“.

Articoli correlati

Back to top button