Cronaca

Emergenza alcool in Italia: 435mila morti in 10 anni

Emergenza alcool in Italia: 435mila morti in 10 anni. Nel nostro Paese la maggiore delle dipendenze è quella da alcol che rappresenta il primo fattore di rischio per la salute. Si beve ovunque a qualunque ora, anche con pochi soldi.

 Emergenza alcool in Italia

A dispetto di quanto dichiarato dal ministro dell’Interno Salvini, in merito alla chiusura dei negozi di cannabis legale in Italia, i dati sul consumo e le conseguenze dell’abuso di alcool tracciano un quadro allarmante.

La dipendenza da alcol che rappresenta il primo fattore di rischio per la salute, dopo il fumo e l’ipertensione. Ed è stata la causa in dieci anni (2008-2017) di 435mila morti per patologie alcol-correlate, incidenti stradali, incidenti sul lavoro, incidenti domestici e omicidi o suicidi legati allo stato di alterazione psicofisica.

A dirlo sono i dati dell’Osservatorio Enpam-Eurispes, che attraverso l’analisi e l’incrocio di diverse fonti statistiche hanno calcolato i decessi causati dall’alcol in Italia negli ultimi 10 anni.

I dati del nostro Paese

Secondo l’Osservatorio Nazionale Alcol-Cnesps dell’Istituto Superiore di Sanità i consumatori “dannosi”, che presentano problemi di salute conseguenti al consumo di alcol, sarebbero circa 700mila.

Si beve ovunque a qualunque ora, anche con pochi soldi, sempre più lontano dai pasti, e soprattutto tra le fasce più giovani della popolazione.

L’Italia supera nettamente la media mondiale di un consumatore di alcol su tre: il 60 per cento degli italiani, infatti, consuma una o più dosi di alcol al giorno. Nel nostro Paese si contano 8,6 milioni di consumatori a rischio, 2,5 milioni dei quali anziani e 1,5 milioni adolescenti.

Il consumo nei giovani

Secondo i dati, il 15,8 per cento ha bevuto il primo bicchiere tra gli 11 e i 13 anni, e tra i maschi la percentuale sale al 20,5 per cento; un terzo della popolazione lo ha fatto tra i 14 e i 17 anni (33,5 per cento), per due su dieci il “debutto” è avvenuto tra i 18 e i 20 anni (20,1 per cento), il 12,4 per cento ha iniziato a bere dopo i vent’anni.
Ha assunto alcool prima dei 10 anni il 3,8 per cento degli intervistati: in particolare al Nord-Ovest, dove si registra un numero di bevitori precoci superiore alla media che si attesta al 7,6 per cento.

In Italia, l’uso di sostanze alcoliche è tra le prime cause di morte tra i giovanissimi, spesso in seguito ad incidenti stradali.

La netta maggioranza dei ragazzi beve alcolici (61,7 per cento): oltre la metà lo fa “qualche volta” (51,6 per cento), l’8,2 per cento “spesso”, solo l’1,9 per cento tutti i giorni.

 

 

 

 

 

 

Articoli correlati

Back to top button