DirittoEconomiaLavoro

L’importanza dell’employer branding all’interno delle organizzazioni aziendali

Employer branding per cristallizzare l'immagine e la reputazione dell'organizzazione, necessarie per attrarre i talenti sul mercato del lavoro

Rafforzare ogni strategia di Employer Branding, in un mercato del lavoro così flessibile e dinamico, risulta necessario per attrarre i migliori talenti. Mediante questa, le organizzazioni riescono ad esprimere una propria identità all’interno del più ampio concetto di Human Resource Management, definendo un approccio integrale e maggiormente razionale per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Employer branding e recruitment: quando i talenti si autocandidano?

Dalla ricerca e selezione nascono nuove opportunità

Accaparrarsi i migliori talenti sul mercato del lavoro rappresenta la sfida nevralgica di ogni organizzazione. Tale attività, però, non può prescindere dalla considerazione dei fabbisogni delle organizzazioni, in termini di business, management e di cultura aziendale. Dunque, il recruitment è strettamente connesso alle strategie aziendali, ossia riuscire ad attrarre collaboratori preparati ed indispensabili per raggiungere gli obiettivi organizzativi.

Differenti sono le modalità utilizzate dalle aziende per finalizzare i processi di ricerca e selezione. Le modalità classiche di domanda ed incontro sul mercato sono state letteralmente travolte dai nuovi procedimenti digitali. Dalle scuole ed università alle società di consulenza, fino all’elaborazione di piattaforme di e-recruiting dedicate.


lavori più richiesti 2023


Infatti, considerando anche l’avvento dei social network professionali, il processo di ricerca e selezione del personale ha subito una particolare evoluzione. In un mercato così flessibile, non basta più conoscere approfonditamente tutte le tecniche di selezione e le caratteristiche di ogni singola mansione. Oggi, i selezionatori ampliano gli orizzonti verso nuove sfide, per riuscire a mantenere il frenetico passo.

L’intero procedimento deve necessariamente essere fagocitato da una precisa policy aziendale, coerente con l’intero meccanismo di Human Resource Management, al fine di riuscire a centrare gli obiettivi strategici di ogni singola azienda.

Employer brand e Company brand alla base delle scelte aziendali

L’idea di fondo è che qualunque organizzazione debba necessariamente acquisire una certa immagine per riuscire a completare la propria mission. Ecco perché potrebbe rappresentare una virtuosa strategia integrare il ‘Company brand’, ossia l’immagine dell’azienda verso l’utenza, con l”Employer brand’, cioè l’immagine dell’impresa come luogo ideale di lavoro.

L’idea dell’Employer Branding non può non considerare uno specifico target di riferimento. A quale mercato del lavoro si rivolge l’azienda? Da ciò deriva il suo concreto posizionamento e l’utenza a cui si rivolge, in termini demografici e professionali.

Il target, infatti, rappresenta il punto di partenza, attraverso cui sviluppare politiche di comunicazione e marketing efficaci e coerenti con l’immagine che l’azienda rende verso l’esterno, in virtù della quale è possibile attrarre i migliori talenti disponibili.

Un’organizzazione attenta, altamente performante e disposta a concedere il giusto work life balance ai lavoratori ingolosisce i candidati, spinti dal desiderio di appartenere ad una specifica organizzazione, piuttosto che ad un’altra. Sostanzialmente, sono gli stessi lavoratori a scegliere l’azienda inoltrando candidature spontanee.

Employer branding e cultura organizzativa nella gestione delle Hr

La nuova concezione del lavoro all’interno delle organizzazioni ha nettamente spostato il focus verso i bisogni dei lavoratori, visti come potenziale risorsa per l’azienda. Ciò contribuisce ad istaurare un ambiente lavorativo particolarmente favorevole e volto all’emersione della creatività, delle singole iniziative, attraverso uno stile partecipativo, tramite il coinvolgimento e l’adesione dei lavoratori agli obiettivi ed alle strategie aziendali.

A causa della capacità di prediligere aspetti intrinseci, simbolici e riflessivi specifici di un’azienda, la cultura organizzativa risulta il perno della gestione delle risorse umane. Ciò comporta molteplici differenze anche tra aziende di simile struttura organizzativa, con lo stesso numero di dipendenti ed operanti nello stesso settore.

Articoli correlati

Back to top button